mercoledì 24 Luglio 2024

I supermercati limitano la crescita dei discount in area 3. Le differenze di un territorio competitivo

Il Centro Italia cresce bene, non quanto il nord ovest ma più del nord est. Le ragioni di tale evoluzione sono simili agli altri territori ma con alcune differenze che verranno messe in risalto dai numeri contenuti in questo studio. In primo luogo la crescita è sicuramente legata alla dinamica inflattiva con conseguente elevazione verso l’alto dei ricavi, talvolta a discapito dei volumi di vendita.

Ma l’aspetto degli investimenti è cruciale nel fotografare i quattro anni più complicati del mercato da decenni a questa parte.

Chi investe? I discount sicuramente, ma anche alcune insegne della GDO che puntano a disegnare la nuova prossimità, fatta di negozi più grandi, di assortimenti più completi, di forte competitività promozionale, ma anche di costruzioni di “isocrone” più vaste, rispetto al passato, cercando consumatori leggermente più distanti  rispetto alla vecchia prossimità.

Tutte queste dinamiche associano perfettamente le tre aree che abbiamo e stiamo analizzando, ma in area 3 i risultati nei quattro anni che vanno dal 2019 al 2022 sono stati diversi.

In questo articolo entreremo nel merito dell’evoluzione del mercato nel centro Italia, in un ampio territorio che va dalla Toscana, passa dalla Sardegna e scende sino ai confini dell’Abruzzo e della Campania.

Non sono solo i fatturati ad essere tenuti sotto controllo, seppur suddivisi per canale di vendita (nella loro evoluzione 2019-2022), ma anche l’evoluzione dei singoli cluster di vendita, per spiegare bene le dinamiche dentro il (troppo) vasto mondo dei supermercati, dai 401 ai 2500 mq.

Non solo: lo studio, come i precedenti, entra nel merito dell’evoluzione della numerica  dei punti vendita (sia suddivisa per canale di vendita che per cluster) ed ancor più dell’evoluzione dei metri quadrati con la relativa saturazione del mercato.

Insomma: rispetto a quattro anni fa ci sono più punti vendita? Più discount? Più supermercati? Oppure no? Ed i metri quadrati di vendita? Chi ha investito di più?

Avremo tutte le risposte.

L’ARTICOLO COMPLETO, I RELATIVI GRAFICI, IMMAGINI ED ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI. VERIFICA QUALE ABBONAMENTO E’ IL MIGLIORE PER LE TUE ESIGENZE

SEI GIA’ ABBONATO? ACCEDI QUI
.

Ultimi Articoli

Unicoop Firenze cede i punti vendita romani a PAC 2000A

0
Unicoop Firenze ha annunciato di aver finalizzato un accordo preliminare per vendere i suoi punti vendita a Roma, operanti sotto il marchio Doc*Roma. La...

iN’s Mercato rafforza la sua presenza in Lombardia e Liguria con...

0
Con l'obiettivo di rafforzare la propria presenza nel nord Italia, iN's Mercato, catena discount con sede a Venezia e operante in 12 regioni con...

Unes avanza nel rebranding: nuove ristrutturazioni a Torino, Treviglio e Gavirate

0
La catena di grande distribuzione Unes continua il suo percorso di rebranding, avviato lo scorso novembre, trasformando tutti i suoi negozi sotto la nuova...

Nova Coop apre ad Ivrea un nuovo superstore

0
Da giovedì 18 luglio, la città di Ivrea, in provincia di Torino, accoglierà l'apertura di un nuovo superstore realizzato da Nova Coop. Situato in...

MD arriva a quota 186 negozi in Lombardia con il nuovo...

0
Il primo punto vendita MD a Lissone ha aperto le sue porte con un simbolico taglio del nastro al femminile, eseguito dalla Store Manager....