Agrintesa ha riportato un bilancio positivo per l’anno 2022-2023, con un valore di produzione consolidato di 359 milioni di euro, rappresentando un aumento dell’11% rispetto all’anno precedente. Il valore della produzione della cooperativa è stato di 323 milioni di euro, e il patrimonio netto ha sfiorato i 140 milioni. Questi risultati superano gli obiettivi stabiliti l’anno precedente, riflettendo una situazione finanziariamente stabile e una generazione di cassa significativa che ha migliorato la posizione finanziaria netta di Agrintesa, che è scesa al di sotto dei 11 milioni di euro entro il 30 aprile 2023.

La fiducia dei soci nella cooperativa è evidenziata da un apporto finanziario diretto che supera i 28 milioni di euro durante l’esercizio 2022/2023.

Gli investimenti sono cresciuti e superano i 15 milioni di euro, dopo una prevista contrazione nei due anni precedenti dovuta alla riduzione dei volumi conferiti dai soci a causa di avversità climatiche.

Questi investimenti hanno coperto vari ambiti, inclusi il miglioramento dei processi produttivi, l’aggiornamento degli impianti e dei magazzini, insieme a due importanti progetti legati alle energie rinnovabili e all’innovazione tecnologica. In particolare, il progetto di innovazione tecnologica ha visto l’introduzione di un nuovo sistema gestionale E.R.P. SAP con funzionalità specifiche.

Dal punto di vista energetico, Agrintesa ha implementato impianti fotovoltaici con l’obiettivo di coprire il 30% del suo fabbisogno energetico attraverso fonti rinnovabili, raggiungendo una potenza superiore a 9.500 KW. Questo ha permesso una significativa riduzione dell’impronta carbonica dell’attività di Agrintesa, promuovendo la sostenibilità ambientale.

Nonostante le sfide legate al cambiamento climatico nel 2022, i soci hanno conferito il 93,3% dei volumi complessivi gestiti, che ammontano a 248.000 tonnellate per il settore ortofrutticolo e 156.000 tonnellate per il settore vitivinicolo.

L’azienda, svolge un ruolo fondamentale nel contesto socio-economico del suo territorio, con oltre 200 dipendenti a tempo indeterminato e oltre 2000 dipendenti avventizi coinvolti in varie fasi della produzione di ortofrutticoli e uve conferite dai soci. Durante l’ultimo esercizio, sono state registrate oltre 285.000 giornate lavorate per offrire i prodotti sul mercato internazionale.