IRI: Largo Consumo Confezionato, tutti i dati di chiusura del 2021 e focus bevande

0

Il comparto del Largo Consumo Confezionato ha chiuso l’anno 2021 con risultati ancora positivi (+3,1% in volume e +2,8% in valore, considerando i canali Iper + Super + Libero Servizio Piccolo + Specialisti Casa e Persona + Discount). Le Bevande hanno guidato la crescita; negativo solo il contributo dell’Home Care, comparto che sconta il confronto con l’eccezionale accelerata registrata nel 2020.

Durante lo scorso anno le ondate pandemiche hanno frenato il pieno ritorno ai comportamenti sociali pre- pandemici, quindi è restata ancora in ambiente domestico una parte significativa dei consumi, normalmente soddisfatta nei canali del Fuori Casa.

Il Discount si è confermato il canale più performante, con un incremento delle vendite a volume del +9,8%, anche se negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un sensibile rallentamento dovuto al confronto con le controcifre particolarmente elevate del 2020.

Sul fronte prezzi il consuntivo medio del 2021 segnalava un lievissimo calo nonostante la forte risalita dell’inflazione generale, preponderante l’influenza del calo dei prezzi LCC nella prima parte dell’anno rispetto alla risalita della seconda parte. Le cause sono varie: la continua crescita dei Discount, ancora una volta la controcifra dello scorso anno, la risalita delle promozioni, seppure l’intensità non sia mai tornata ai livelli pre-pandemici. La profondità assortimentale durante la seconda parte del 2021 ha mostrato una moderato incremento.

Dopo l’esplosione delle vendite dell’E-commerce registrata nel 2020, il canale ha confermato la sua attrattività nel 2021 con una crescita del fatturato a doppia cifra (+19,7%). In questo contesto di generale dinamicità, si registra un ottimo andamento per le Bevande nel canale Brick&Mortar (+5,4% a volume e +6,8% in fatturato). Andamento molto positivo per il mondo degli Alcolici pur a fronte di un aumento del prezzo medio. Aperitivi e bollicine in pole position, con trend in volume rispettivamente del +20,2% e del +17,8%. Consumi in calo solo per il Vino (-2,4%).

Il clima favorevole della stagione estiva, rispetto all’anno precedente, ha influito molto positivamente sui volumi sviluppati dalle Bevande Analcoliche, in questo caso si distinguono le Bevande Piatte +11,6% (Tea, Isotoniche, Acque aromatizzate/funzionali) e di nuovo gli Aperitivi +10,8%.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui