La crescita di Martini Alimentare, un player sempre più rilevante sul mercato delle carni

0

Oltre cento anni di storia e una presenza sul mercato ben strutturata, che ha fatto di una piccola azienda di famiglia una grande realtà industriale e commerciale italiana, hanno permesso alla romagnola Martini di affrontare al meglio il biennio della pandemia. “Il 2021 si è concluso con risultati che confermano le nostre scelte aziendali – racconta a GDONews il sales director Gianni Ceccarelli – la crescita in fatto di numeri è motivata dalla sempre maggiore attenzione dei consumatori verso i nostri prodotti”. “Il mercato – aggiunge – sta rispondendo con soddisfazione e questo si deve agli alti standard di qualità che sappiamo garantire. Essere innovativi proponendo novità saporite e sempre ad alto contenuto di servizio è quello che sappiamo fare meglio e il motivo per cui il mercato ci premia”.

 

D: Gli incrementi di listino stanno monopolizzando questo momento storico, si tratta di una necessità contrastata dal retailer? Cosa sta accadendo?

R: “Siamo di fronte ad uno scenario caratterizzato da un aumento strutturale dei costi delle materie prime, gravosi aumenti nel sistema trasporti, dei materiali plastici e cartone con un impatto forte sui prodotti finiti. L’Azienda Martini, tra le poche realtà a filiera integrata verticale su suino, pollo e coniglio, continuerà ad innovarsi con prodotti che rispondono alle esigenze del consumatore finale. Questa è la nostra forza e il retailer sa riconoscere e dare il giusto valore ai prodotti di qualità”.

 

D: Quali sono invece le voci di costo che stanno determinando una non procrastinabile necessità di incremento dei vostri listini?

R: “Si tratta di un fenomeno diffuso a livello mondiale: la crisi energetica in primis e altri fattori di natura ambientale e politica stanno condizionando i costi delle materie in tutti i mercati. Anche nel nostro settore abbiamo riscontrato un forte incremento che stiamo cercando di contenere e di far pesare il meno possibile sui processi produttivi”.

D: Quali sono infine i vostri progetti per l’anno che si è appena aperto?

R: “Abbiamo da poco lanciato la nostra ultima novità: ‘Sano come Sono’. Si tratta del coniglio tutto romagnolo, “Antibiotic free” fatto per portare sulla tavola degli italiani una carne genuina e gustosa che nasce dalla ricerca e dall’impegno continuo della nostra azienda in termini di qualità. Sempre nell’ottica di soddisfare le esigenze dei consumatori con prodotti in linea con i nuovi stili di vita, stiamo infine completando altri importanti progetti che partiranno a Primavera”.

Mesi nei quali dare corpo a novità che andranno ad incontrare richieste e necessità di una clientela di un marchio da sempre focalizzato su tematiche come qualità e sicurezza alimentare e che ha basato gran parte della sua attività su tracciabilità e rintracciabilità della filiera dei suoi prodotti.