La spesa in epoca Covid e post-Covid. Tecnologia e servizi complementari a supporto della GDO

0

Il 2020 è stato un anno complesso ed impegnativo anche per la GDO. La pandemia da Covid19 ha messo a dura prova la capacità organizzativa della filiera del largo consumo che ha dovuto fare i conti con la tenuta dei servizi offerti ai consumatori.

Le principali catene di supermercati sono state travolte da una marea di spese online e di richieste di consegna a domicilio. Un assalto virtuale che ha fatto seguito a quello fisico, dettato dal primordiale istinto dell’uomo a fare scorta di fronte ad un’emergenza.

Durante la prima ondata i consumatori hanno scelto di fare acquisti online per evitare file ed accessi contingentati e per non esporsi al rischio di contagio. Cosa che sta avvenendo anche in queste settimane, in piena seconda ondata.

La pandemia è stata il catalizzatore che ha accelerato un processo di mutazione dei comportamenti di acquisto nel settore food&wine e dei generi di prima necessità, trend ormai evidente da anni in altri settori.

I consumatori che hanno scoperto i vantaggi e la comodità di questi servizi durante il lockdown sembrano avere tutta l’intenzione di continuare ad utilizzarli.

Gli esperti sono concordi nell’affermare che questo cambiamento delle abitudini di acquisto dei consumatori si protrarrà anche in epoca post-Covid.

La vera sfida ora sta nel riuscire a soddisfare le nuove esigenze della clientela.

Le soluzioni messe in campo dalla GDO

Nell’impossibilità di soddisfare tutte le richieste in tempi ragionevoli, laddove l’infrastruttura informatica ha tenuto e non è andata in tilt, si è provato a dirottare parte della clientela sui servizi di tipo click-and-collect.

C’è chi ha aumentato il numero dei locker presenti all’interno dei propri punti vendita.

Tutte soluzioni che consentono sì al cliente di ordinare la spesa online, ma senza la consegna a domicilio.

Il problema è rimasto da risolvere a metà.

Il mondo dei servizi paralleli a quelli offerti dalla GDO

In soccorso della GDO sono scesi in campo una serie di player, pronti a cavalcare l’onda della digital transformation.

Lasciamo un attimo da parte i servizi di consegna gratuita offerti dalle amministrazioni comunali in collaborazione con la Croce Rossa ed altre associazioni di volontariato, sebbene su di loro si sia sfogata parte della domanda.

Stiamo parlando di soluzioni tecnologiche complementari ai servizi offerti dalla GDO. È all’interno di questo panorama variegato che si colloca SpesaPro.

Ce ne parla Fabrizio Cabella, amministratore delegato di Puntosistemi Srl, azienda tortonese di lunga esperienza nel campo informatico, nonché ideatore del progetto: “SpesaPro non è un supermercato online, bensì una piattaforma tecnologica nata per avvicinare i cittadini all’offerta presente sul territorio.”

Il servizio si rivolge direttamente ai consumatori finali che tramite la piattaforma online (app.spesapro.it) possono fare acquisti presso qualsiasi negozio o supermercato presente su Google Maps, lo strumento che viene utilizzato per il calcolo dei tragitti e quindi delle tariffe di consegna.

Con una semplice registrazione e pochi rapidi passaggi è possibile delegare al proprio Driver di fiducia l’onere di fare la spesa, evitando lunghe code e spostamenti non strettamente necessari. Il Driver poi consegna la spesa a domicilio il giorno e all’ora concordati.

Il servizio è attualmente disponibile sul territorio delle province di Alessandria e Pavia, ma può essere attivato rapidamente in altre zone d’Italia, in funzione delle richieste dei cittadini e della disponibilità di Driver.

I punti di forza del portale SpesaPro

“Il nostro servizio ha tra i suoi scopi quello di alleggerire la pressione sulla GDO, oltre che sostenere il commercio cittadino. All’approntamento degli ordini e alla consegna delle spese ci pensano i nostri Driver. A differenza di altre piattaforme ben più note che offrono un servizio simile al nostro, noi riusciamo a garantire una presenza più capillare sul territorio, assicurando la copertura di aree che i bigger player non riescono o non intendono servire.”

Fabrizio Cabella ed il suo team hanno ben chiari i requisiti necessari per poter collaborare con la grande distribuzione.

“La piattaforma è già integrata con Immagino, servizio web noto per essere il punto di raccolta di tutte le informazioni grafiche e accessorie (lista degli allergeni, provenienza, ecc.) relative ai prodotti in vendita nei supermercati.”

Il costo della spesa e le commissioni di servizio vengono corrisposti a SpesaPro mediante la piattaforma Stripe. I Driver sono dotati di carte Soldo appartenenti al circuito MasterCard con cui effettuano i pagamenti presso gli esercenti.

“I Driver sono i veri protagonisti. A loro spetta l’ultima parola nel processo di definizione delle commissioni di servizio. Possono modificare la tariffa proposta dal sistema in base a quanto vogliono guadagnare sulla singola spesa. Di conseguenza il cittadino può scegliere a quale Driver affidarsi anche in base alla tariffa richiesta. Una caratteristica nostra che rende SpesaPro estremamente attraente per il consumatore finale; un meccanismo che, in un’ottica di mercato a regime, consente a SpesaPro di contraddistinguersi come sistema estremamente aperto e democratico, le cui tariffe vengono stabilite di volta di volta in base al naturale meccanismo della domanda e dell’offerta.”

SpesaPro presenta un ulteriore vantaggio in quanto il servizio a breve potrà essere utilizzato anche per commissioni “multipunto”. Ciò significa che, in coda alla classica spesa, l’utente finale potrà richiedere al Driver di effettuare un ritiro in lavanderia piuttosto che acquistare dei prodotti presso altri esercenti presenti all’interno dello stesso centro commerciale o commissioni simili.

“SpesaPro è una soluzione pensata per essere scalabile e crescere in fretta. Tutti gli esercenti censiti su Google Maps possono già da ora beneficiare del servizio. Non è necessario aderire attivamente. Siamo tuttavia aperti a stringere partnership strategiche che consentano, mediante promozioni congiunte, di promuovere il servizio primariamente nelle zone concordate.”

Contatti

Fabrizio Cabella, AD
Puntosistemi Srl
Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 14
15057 Tortona (AL)
Tel. 0131 815765
Web www.spesapro.it
Facebook SpesaPro.it
Instagram spesapro

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui