GDO News
Nessun commento

Tesco continua a crescere la quota di mercato nel Regno Unito

Gli ultimi dati sulle quote di mercato dei generi alimentari di Kantar Worldpanel, pubblicati recentemente per le 12 settimane che si concludono 6 novembre 2016, rivelano un secondo mese di buone notizie per Tesco, che è cresciuta al ritmo più veloce negli ultimi tre anni. Questo dato è migliore della media globle, dove le vendite anno su anno sono aumentate del 0,8% per il secondo mese consecutivo.

Fraser McKevitt, capo della divisione “retail and consumer insight” di Kantar Worldpanel, commenta: “La crescita di Tesco del 2,2% rappresenta un notevole miglioramento rispetto ai numeri che stava realizzando lo scorso anno, e in effetti nel 2014. Le vendite dei prodotti di marca hanno visto un aumento, ma la maggior parte del i guadagni sono stati fatti attraverso la private lable, sia nella fascia economica che nella premium, quindi nell’intero spettro dei prezzi. I marchi della familia Tesco continuano a beneficiare della crescita delle vendite di frutta e verdura, mentre la gamma premium Tesco Finest è cresciuta del 6% negli ultimi 12 settimane, in particolare nelle patatine, carne fresca e freschi. Gran parte della crescita di Tesco è stata generata da acquirenti più ricchi di ritorno al negozio, e la spesa media per viaggio è in crescita del 2,1% a £ 20.69”.

“I prezzi degli alimentari sono ormai in calo continuo dal settembre 2014 e sul like-for-like dei prodotti basici i prezzi hanno registrato uno 0,5% in meno rispetto allo scorso anno, anche se questo non rappresenta una significativa riduzione del tasso di deflazione da questa estate. Siamo propensi a pensare che i prezzi inizieranno a crescere di nuovo nel mese di dicembre, a meno che i retailer scelgono di scatenare a Natale un nuovo ciclo di tagli dei prezzi. Anche se è forte la tentazione di collegare eventuali aumenti dei prezzi alla Brexit e la svalutazione della sterlina, vale la pena ricordare che la deflazione è in allentamento da dicembre dello scorso anno, ben prima del referendum”.

Le vendite al Sainsbury sono diminuiti del 0,7% nel periodo preso in esame, contribuendo a un punto di caduta di 0,3 punti percentuali della quota di mercato al 16,3%. Il tasso di declino di Asda ha rallentato leggermente al 5,0%, anche se si è registrato un aumento delle vendite delle sue linee premium a marchio in  questo periodo. Anche Morrisons ha visto una spinta nelle vendite della gamma premium a marchio proprio grazie alla linea ‘The Best’, anche se le vendite totali sono diminuite del 2,4%.

Anche se i discount crescono al loro tasso più lento dal 2011, sia Aldi che Lidl riescono ancora ad attirare nuovi clienti, vitali per la crescita di qualsiasi retailer e aiutati da continue aperture di negozi. Aldi ha aumentato le vendite del 10,2%, con 547.000 acquirenti in più che visitano i negozi nel corso delle 12 settimane, un aumento del numero di visitatori maggiore rispetto a qualsiasi altro retailer. Le vendite di Lidl sono aumentate del 6,1%, un tasso più lento rispetto agli ultimi mesi, ma ancora signficativamente più veloce rispetto al mercato nel suo complesso.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su