Caprotti condannato a un anno e mezzo? Per il pm organizzò la diffamazione contro Coop

Il pm di Milano Gaetano Ruta ha chiesto una condanna ad un anno e sei mesi per Bernardo Caprotti, patron di Esselunga, accusato di essere stato il “finanziatore” di una “campagna diffamatoria” contro la concorrente Coop Lombardia. E la stessa richiesta di condanna è stata formulata, nel processo con rito abbreviato davanti al gup Chiara Valori, anche per il direttore di Libero Maurizio Belpietro e per il giornalista Gianluigi Nuzzi, anche loro coinvolti in un’inchiesta con al centro l’acquisizione di un cd-rom contenente telefonate illecitamente registrate sulla linea del direttore della Coop di Vigevano (Pavia).

Caprotti, Nuzzi e Belpietro sono accusati di ricettazione aggravata per l’acquisizione del cd-rom. Il patron di Esselunga risponde, inoltre, di diffamazione. Mentre Nuzzi e Belpietro sono imputati anche per calunnia. Il processo è stato aggiornato al 15 marzo, quando potrebbe arrivare la sentenza.

Caprotti, il 90enne fondatore del colosso della grande distribuzione e ritenuto dalla Procura milanese il “finanziatore della campagna diffamatoria”, è accusato, in concorso con Nuzzi e Belpietro, di aver acquistato “un cd-rom contenente telefonate illecitamente registrate sulla linea telefonica di ufficio” del direttore della Coop di Vigevano, Maurizio Salvatori (si è costituito parte civile), “ceduto” dai titolari di una società, la Servizi d’Investigazione e Sicurezza (Sis), che “si occupava di gestione della sicurezza in Coop Lombardia”.

Un’operazione effettuata, si legge nell’imputazione, per consentire a Belpietro e Nuzzi di realizzare, nel 2010, “un servizio giornalistico sfruttando il contenuto delle suddette intercettazioni illecite” e screditare la concorrente di Esselunga. Nuzzi e Belpietro sono accusati anche di calunnia perché “sapendolo innocente incolpavano Daniele Ferré (anche lui si è costituito parte civile, ndr)”, direttore degli affari generali di Coop Lombardia, di aver violato la legge per aver ‘spiato’ i dipendenti attraverso telecamere nascoste e intercettazioni audio e ambientali “simulando le tracce del reato attraverso l’acquisizione e la pubblicazione sull’edizione di Libero del 14 gennaio 2010 di un documento falso riprodotto nella sua integrità”. La Coop non si è costituita parte civile nel procedimento.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!