Se un tempo era conosciuta come “cibo povero”, oggi la patata ha saputo conquistarsi un posto di primo piano tra i consumatori italiani non solo per bontà, economicità e versatilità nell’uso e nella conservazione, ma anche per i numerosi benefici nutrizionali e la sostenibilità che caratterizza l’intera filiera.

Secondo una ricerca condotta da Nextplora, i maggiori trend che guidano le scelte d’acquisto degli italiani come mantenersi in forma, risparmiare e rispettare l’ambiente, posizionano la patata tra i prodotti che non possono mancare nel carrello della spesa.

“Non a caso Selenella si fa strada nella classifica dei prodotti maggiormente acquistati dalle famiglie italiane”, commenta Massimo Cristiani Presidente del Consorzio Patata Italiana di Qualità.

La patata Selenella, una filiera di origine italiana 100%, si attesta inoltre tra le colture più virtuose in termini di sostenibilità ambientale. Tutte le fasi produttive, garantite dall’impegno del Consorzio Patata Italiana di Qualità, prevedono l’applicazione di tecniche di produzione integrata che limitano al minimo l’utilizzo di prodotti chimici di sintesi.

Per il futuro, gli obiettivi di Selenella sono rivolti a sostenere la crescita e il posizionamento del comparto patate, lavorando in parallelo per consolidare anche quello di carote e cipolle, dove si stanno registrando ottime performance produttive e commerciali.