Surgital ha chiuso il bilancio 2022 con un incremento del 39% rispetto all’esercizio precedente

0

Chiude e deposita il bilancio 2022 Surgital, la prima azienda italiana produttrice di pasta fresca surgelata, piatti pronti surgelati e sughi in pepite surgelati per la ristorazione, catering e canale bar.

Il 2022 si è chiuso con un valore della produzione di Gruppo di 109.500.000 € (54% Italia e 46% estero), che segna un incremento del 39% rispetto all’esercizio precedente; margine operativo lordo (EBIDTA) 17.800.000 €, utile netto di esercizio 8.000.000 €.

Del Gruppo Surgital fanno parte Surgital SpA, la capogruppo, Surgital France sarl, Surgital America Inc. e Ca’ Pelletti Retail srl. Horeca e food service rappresentano il 70%, mentre il restante 30% si riferisce alla gestione direzionale nei canali GDO, door to door e PL industriale.

Prospettive 2023

Anche le prospettive 2023 sono positive: il budget è stato definito, la crescita prevede di superare il 10% in termini di ricavi, nonostante il mercato europeo e americano sia ancora denso di incognite, a livello di inflazione.

Dal punto di vista dei costi, l’incertezza è ancora elevata l’inflazione si mantiene alta e molte materie prime utilizzate dall’azienda non accennano a diminuire.

Nel budget di previsione, Surgital tiene conto anche dei costi di trasporto, in lieve calo, soprattutto quelli oltre mare. Anche per le controllate Surgital France sarl, Surgital America Inc. e Ca’ Pelletti Retail, sono stati definiti i piani di sviluppo 2023 e dovrebbero anch’esse mantenere il buon andamento del 2022.

Così Massimiliano Bacchini, membro del CDA e Direttore Commerciale di Surgital:

“I risultati sono stati superiori rispetto al budget di previsione, la crescita è avvenuta in modo equilibrato sia in Italia che nei mercati di esportazione, dando conferma della prospettiva positiva a medio-lungo termine, cioè a 3-5 anni. A fronte di questo trend, continuiamo nelle politiche di sviluppo sia a livello produttivo, dove stiamo ancora investendo nelle strutture che nell’efficienza energetica; allo stesso tempo stiamo incrementando il presidio sui principali mercati di riferimento di Surgital, foodservice principalmente – qui sviluppiamo il 75% del nostro turnover – dove continueremo ad implementare la distribuzione del prodotto. Per questo non manchiamo di partecipare alle principali fiere internazionali, come Tuttofood di Milano o Anuga di Colonia, ad ottobre, oltre ad altre già pianificate in Europa.

Tra gli impegni più importanti di quest’anno, c’è quello di completare il nostro primo Bilancio di Sostenibilità, a cui teniamo molto, che presenteremo nel 2024. Non sarà una trasformazione inaspettata quella che presenteremo, perché Surgital è attenta all’inclusività delle persone, ai temi sociali e al rispetto dell’ambiente sin dalla sua fondazione. In tal senso, continueremo a perseguire la nostra mission, che è quella di restituire il più possibile risorse e lavoro al nostro territorio”.

Obiettivo 2025: 140 milioni.

Grazie al trend di crescita, indicato anche dalla pubblicazione del Bilancio 2022, Surgital conferma la stima del risultato a fine piano (31 dicembre 2025) di circa 140 milioni di euro, +40% rispetto al budget destinato al precedente piano industriale del periodo 2020-2022.

Proseguono così diverse operazioni per il miglioramento strutturale e gestionale. Oggi la superficie produttiva è di 35.000 mq, su un’area totale di 200.000 mq. Nel triennio precedente sono state installate 5 nuove linee produttive – in aggiunta alle 28 già presenti in azienda – che permettono lo sviluppo di tutte le categorie merceologiche trattate, ovvero pasta ripiena fresca surgelata, pasta lunga e corta fresca surgelata, piatti pronti e sughi surgelati.

Gli investimenti in impianti e strutture produttive sono pianificati in circa 20 milioni nel triennio 23-25 e sono destinati a proseguire il potenziamento della capacità produttiva dello stabilimento di Lavezzola attraverso l’inserimento di 2 nuove linee di produzione per le categorie dei piatti pronti e dei sughi pronti, oltre ad altre migliorie nei processi di confezionamento sulle linee già esistenti.

Ulteriori aree di investimento riguardano la componente energetica del sito produttivo; è già infatti in fase operativa l’ammodernamento della centrale di trigenerazione esistente, su cui sono previsti diversi interventi in termini di miglioramento dell’efficienza per la riduzione dei consumi globali; oltre a questo, nella primavera 23 sarà installato un nuovo impianto fotovoltaico in un’area adiacente lo stabilimento, che consentirà il raggiungimento di  una potenza massima di produzione di energia elettrica di 2,5 MW/ora. L’obiettivo prefissato è quello di poter rendere il plant di Lavezzola autosufficiente in termini energetici, con una capacità totale di oltre 8/MW ora di autoproduzione.

Queste strategie di intervento confermano quanto innovazione e sostenibilità siano da anni asset fondamentali e distintivi di Surgital: dall’attenzione al processo di conservazione, che non prevede alcun additivo ma la sola applicazione della tecnologia del freddo, all’autonomia energetica appunto, grazie ai sistemi fotovoltaici e alle centrali di cogenerazione, attraverso i quali ogni mese è garantito un risparmio di CO2 pari a 370 tonnellate.

Nel piano non mancano infine programmi di riorganizzazione interna, nell’area commerciale e marketing, anche grazie all’implementazione di un nuovo progetto CRM, operativo nel corso del 23, oltre all’incremento di personale, in Italia, in Francia e in Nord America. A questo si aggiungono iniziative di trasformazione digitale e automazione sempre più evolute, per garantire l’alta qualità dei prodotti, caratteristica distintiva riconosciuta dal mercato internazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui