venerdì 21 Giugno 2024

Salumi: la Mdd cresce ma ignora la sostenibilità. L’industria di marca cerca un dialogo ma non è disposta a cedere lo scettro dell’innovazione

“La marca del distributore aiuta a collaborare e in un momento come quello attuale è sempre più necessario che ci sia cooperazione fra chi produce e chi vende al consumatore. L’evoluzione della Mdd rappresenta quindi un aspetto molto importante per i produttori”. Così Nicola Martelli, sales and marketing manager di Martelli Salumi, in merito alla crescita della private label anche nel mercato dei salumi preso in esame nell’ultimo Cibuslab.

 

L’analisi di category condotta recentemente in quattro insegne del panorama nazionale come Coop, Conad, Interspar ed Esselunga, ha infatti messo in evidenza una situazione eterogenea dei salumi a peso imposto ma con un percepibile sacrifico delle grandi marche. “La qualità è sempre un aspetto fondamentale – osserva Gianluca Bergonzoli, direttore vendite di CLAI – non solo per quanto riguarda i prodotti ma anche nelle relazioni che si hanno con i clienti e in questo caso fra GDO e Mdd. La scelta di lavorare sui prodotti e con una filiera di qualità è un chiaro messaggio che cerchiamo di portare avanti anche con il nostro interlocutore della Grande Distribuzione per avere sempre il miglior rapporto qualità prezzo, che non vuol dire il miglior prezzo a discapito della qualità”.

Una crescita quella della marca del distributore che con i prodotti a primo prezzo non presenta denominazione di origine e pack che non hanno come prima prerogativa la tutela dell’ambiente. “Su questo tema c’è ancora molto da dire perché il consumatore sta ancora dando la sua personale interpretazione ma ha la certezza di non voler pagare solo la sostenibilità – afferma Luca Albertini, direttore commerciale di GranTerreche è sicuramente ambientale ma anche sociale ed economica”.

“Senza sostenibilità economica non si va da nessuna parte – aggiunge Paolo Tramelli, marketing manager del Consorzio Prosciutto di Parma ma dobbiamo sempre tenerla in equilibrio con quella ambientale e sociale”. Per Alberto Piturru, responsabile vendite di Salumificio San Vincenzo, “la sostenibilità del packaging è una componente interessante sul costo del prodotto finale a scaffale, anche perché veniamo da una crisi delle materie di confezionamento”. “Nei rapporti con i distributori per la Mdd – prosegue – abbiamo notato che buona parte dei progetti di sviluppo di confezioni sostenibili sono stati riservati alla fascia premium che coinvolge anche un consumatore più disposto a spendere qualcosa in più per contribuire alla tutela ambientale. Nella fascia entry level invece la plastica non riciclabile la fa ancora da padrone perché le logiche di prezzo e il mantenimento dei volumi sono fondamentali per il distributore. Il punto principale è che il consumatore cerca la cifra per riempire il carrello ma il distributore non può perdere clienti abbassando il livello del servizio né la qualità dei prodotti perché altrimenti li perde comunque a discapito di chi fa scelte più oculate e costose”.

“Il mercato è ormai caratterizzato dalla presenza della Mdd – conclude Albertini – e si deve quindi trovare il giusto equilibrio, anche se abbiamo ruoli differenti perché l’industria di marca deve cecare di innovare, pur con tutte le difficoltà del caso, mentre la Mdd deve rimanere all’interno di segmenti e mercati maturi, non può sostituirsi all’industria di marca perché non ne ha le caratteristiche. L’innovazione deve restare un compito dell’industria di marca, un dogma dal quale non possiamo prescindere perché non possiamo cederla all’insegna del distributore. Costi e ricerca devono rimanere patrimoni dell’industria di marca”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Despar Centro-Sud riammoderna la rete e va a quota 30 punti...

0
Sostenibilità, modernità e nuovi servizi. Sono i paradigmi con i quali Despar Centro-Sud presenta al pubblico il rinnovato Interspar di Policoro (Matera), all’interno del quale è appena terminato un importante progetto...

Pam Local apre un nuovo punto vendita a Roma

0
La storica insegna della grande distribuzione ha inaugurato il 36esimo Pam local della città in via Enrico Fermi, 29. Continua l’importante espansione di Pam Panorama...

Claire Caulliez è il nuovo nome di Nestlé per l’Head of...

0
Il Gruppo Nestlé in Italia ha scelto Claire Caulliez come nuova NIM (Nestlé in the Market) Head of Finance & Control Italia e Malta...

Conad Centro Nord chiude il 2023 con oltre 2 miliardi di...

0
Secondo l'Assemblea di Bilancio dei Soci della cooperativa, il fatturato della rete di vendita di Conad Centro Nord ha raggiunto i 2.086 milioni di...

CIA Conad apre il nuovo Pet Store Conad di Verucchio (RN)

0
Trecentosessanta metri quadri tutti dedicati agli amici animali: è questa la novità che attende i frequentatori del centro commerciale Valmarecchia di Verucchio, in provincia...