Le differenze tra Lidl, Eurospin, MD e gli altri player del discount. Analisi delle quote nei rispettivi territori. Il futuro appare cupo

Il sud ed il nord ovest sono i territori dove i discount sviluppano il maggior fatturato. Ma non tutti i retailer occupano il mercato con le medesime strategie di leadership. Lidl, ad esempio, è leader al nord. Eurospin al centro e la sud. Gli attori del mercato sono diversi e non tutti distribuiti a livello nazionale. Nell'articolo tutte le quote di mercato suddivise per le quattro aree del paese

0

Anche nel mercato dei discount l’Italia è divisa, insomma la famosa “concentrazione” del segmento esiste nel macro numero, ma nella realtà dei fatti le strategie dei retailer in campo sono completamente differenti una dall’altra. Questo articolo traccia una mappatura delle vendite di ogni singolo negozio appartenente al settore discount in Italia e mette in evidenza le quote di mercato di ogni insegna in ogni territorio.

Nel verificare le strategie sulle nuove aperture, già nel recente passato, si mise in evidenza quali erano le differenze tra Lidl, MD ed Eurospin, ovvero le tre più importanti insegne del mercato. Alla base del loro agire, infatti, si pongono strategie differenti, con ritorni di investimento differenti.

.

Alla base di ogni strategia si trova il bacino di utenza potenziale e la qualità della concorrenza all’interno di esso: Lidl, ad esempio, investe solo dove ha buona certezza dì un forte ritorno dell’investimento: mette in rapporto qualità del consumatore con la quantità presente nel bacino di utenza, e valuta al tempo stesso la qualità della concorrenza in loco.

Eurospin compie strategie differenti: punta alla massificazione della sua presenza, soprattutto in alcuni territori, sapendo che pur avendo redditività inferiori a Lidl, la marginalità che ne deriva è sempre positiva, e non rinuncia a “posizioni” con una minor numerica di consumatori, oppure dove la sua qualità è meno appetibile ad altri. MD, invece, fa più compromessi sulle metrature, predilige il format da 1300 mq, ma se trova una posizione interessante sotto i 1000 mq la prende.

Insomma visioni differenti che, inevitabilmente, compromettono la presenza di ognuno di loro in determinati territori. Non tutti gli spazi commerciali presenti in Italia sono appetibili per i discount.

Il risultato di queste diverse inclinazioni si traduce in presenze differenti a seconda del territorio approcciato per ogni insegna.

L’area del paese che produce il maggior fatturato (somma dei bilanci di esercizio dei punti vendita del canale discount, anno 2021) è


L’ARTICOLO COMPLETO, I RELATIVI GRAFICI, IMMAGINI ED ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI. VERIFICA QUALE ABBONAMENTO E’ IL MIGLIORE PER LE TUE ESIGENZE

SEI GIA’ ABBONATO? ACCEDI QUI
.

Dott. Andrea Meneghini
Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare. E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei diversi format in Italia ed in Europa. Collabora con alcuni Gruppi della GDO italiana nelle aree di crisis communication management e news management. Affianca la Direzione Generale di alcuni Gruppi della GDO nella gestione delle strategie aziendali. Collabora anche con aziende del Mass Market Retail all'estero come assistant manager sull'italian food. Si può contattare scrivendo a meneghini@gdonews.it