lunedì 15 Aprile 2024

Il 2023 secondo San Giuliano: contesto difficile, ma per il futuro c’è ottimismo

Il 2022 ha visto un sensibile aumento delle vendite degli oli di semi legato a doppio filo alla situazione geopolitica che sta vivendo l’Europa, ciononostante, il mercato dell’olio extravergine 100% italiano è riuscito a tenere testa al nuovo trend con una seppur minima dilatazione a discapito dell’extravergine di origine Ue. In questo scenario, la Domenico Manca, storica azienda algherese proprietaria del marchio San Giuliano, ha chiuso positivamente l’anno, registrando un incremento delle vendite del 10% rispetto all’anno precedente che, conseguentemente, ha assicurato un aumento delle quote di mercato sia a valore che a volume all’interno della categoria Extravergine 100% Italiano. Bene anche l’export che ormai rappresenta il 38% del fatturato totale aziendale, con una distribuzione che va dall’Europa al Nord America e dal Medio Oriente all’Asia con un trend in costante crescita.

Il 2023 non è invece iniziato nel migliore dei modi per il comparto olivicolo nazionale ed europeo. A causa di fattori climatici estremi come il forte caldo e la diffusa siccità, la campagna olearia 2022/2023 ha infatti registrato un calo produttivo del 30% rispetto a quella precedente che si è prepotentemente ripercosso sulle borse merci, le cui quotazioni hanno visto un incremento della materia prima EVO 100% Italiano tra il +37% (Granaria Milano) e il +51% (Borsa di Bari). A ciò si somma il già difficile panorama dei costi delineatosi nel corso dell’anno passato per quanto riguarda l’energia e i materiali per il confezionamento.

Nonostante il difficile contesto la Domenico Manca, forte del proprio know-how e dell’ormai centennale esperienza, è riuscita ad ottenere degli oli extravergini di eccellenza, in linea con gli elevati standard organolettici e qualitativi interni. Non potrà tuttavia fare a meno di rivedere i propri listini e le condizioni riservate ai clienti alla luce delle attuali condizioni del mercato che a cascata andranno ad impattare anche sui prezzi finali al pubblico.

Malgrado si siano viste annate migliori, a San Giuliano si è comunque ottimisti e si lavora con spirito positivo al fitto piano di investimenti per il 2023, ovvero alla pianificazione di nuovi importanti progetti e alla prosecuzione e consolidamento di quelli iniziati recentemente, come l’installazione di nuove linee di produzione ad alta intensità tecnologica, un magazzino di stoccaggio automatizzato, lo sviluppo di packaging ecosostenibili basati sui biomateriali, l’ampliamento della gamma con nuovi profili organolettici e di nuove cultivar, la tracciabilità sempre più capillare, la messa a dimora di nuove piantagioni e la conferma del massimo punteggio possibile AA+, già ottenuto nel 2022, nelle due più importanti ed esigenti certificazioni al mondo di processo e di prodotto, IFS e BRC.

 

 

 

 

Ultimi Articoli

Aldi

Aldi prosegue il piano di espansione Milano annunciando una prossima apertura...

0
ALDI, parte del Gruppo ALDI SÜD, realtà multinazionale di riferimento della Grande Distribuzione Organizzata, è lieta di annunciare la prossima apertura di un nuovo negozio...

Si accende l’insegna Coop in via Ferrarese a Bologna: il nuovo...

0
Si è accesa oggi,  12 aprile l’insegna della nuova Coop in via Ferrarese 12 a Bologna.  Il nuovo negozio di Coop Alleanza 3.0, è stato...

Carrefour Italia x Cents: partnership per la sostenibilità

0
Carrefour Italia conferma la sua sensibilità verso le tematiche di  responsabilità sociale e ambientale e continua a puntare sull’innovazione digitale grazie ad un  accordo...

Pam Panorama: doppietta di aperture in franchising a Milano

0
Pam Panorama festeggia l’apertura di due nuovi punti vendita in franchising ad insegna Pam nella città di Milano in via Giuseppe Meda, 41 e...

ALTASFERA: significativo traguardo di 100 milioni di euro

0
Altasfera, insegna Cash & Carry di Maiora S.r.l., nata per rispondere alle esigenze degli operatori Ho.Re.Ca., del food e del retail nel centro-sud Italia,...