giovedì 18 Luglio 2024

Le vendite di Heineken diminuiscono con il ritorno del lockdown in Asia

Heineken ha venduto meno birra nel terzo trimestre poiché il ritorno del lockdown in Asia ha ridotto il consumo di drink e la socializzazione, danneggiando le vendite del secondo produttore di birra al mondo.

 

 

Il gruppo olandese ha affermato che i volumi di birra venduti sono diminuiti del 5,1% su base organica – il che esclude l’impatto di acquisizioni e cessioni – nei tre mesi fino a settembre, principalmente a causa di un calo del 37,4% nelle vendite asiatiche. Il calo, peggiore di quanto si aspettassero gli analisti, è il risultato del ritorno delle restrizioni alla pandemia in Vietnam, Cambogia, Indonesia e Malesia con l’aumento di Covid-19, ha affermato il produttore di birra. Heineken ha una presenza particolarmente forte in Vietnam, uno dei suoi mercati più grandi a livello globale.

Non tutta l’Asia è stata colpita: le vendite di birra a Singapore, Corea del Sud e Laos sono tornate al di sopra dei livelli pre-pandemia, ha aggiunto Heineken, che produce anche i marchi Amstel, Sol e Tiger. Dolf van den Brink, amministratore delegato, ha dichiarato: “Come anticipato, la nostra regione Asia-Pacifico è stata profondamente colpita dalla pandemia nel terzo trimestre. Vediamo i primi segni di ripresa e ammiro la resilienza e la solidarietà della nostra gente mentre affrontiamo queste sfide”.

Ha affermato che le aspettative del gruppo per le sue prestazioni per l’intero anno sono rimaste invariate, con risultati per il 2021 destinati a essere inferiori a quelli di due anni fa, prima dell’inizio della pandemia. Heineken ha sofferto dell’impatto della pandemia sulla socializzazione a livello globale e a febbraio ha annunciato 8.000 tagli di posti di lavoro insieme a 2 miliardi di euro di risparmi in due anni.

Simon Hales, analista di Citi, ha dichiarato prima dell’aggiornamento commerciale di mercoledì che i programmi di efficienza lascerebbero il gruppo relativamente ben posizionato per affrontare la forte inflazione dei costi che sta colpendo le aziende di alimenti, bevande e beni di consumo. Van den Brink ha dichiarato: “L’ambiente macro rimane volatile e stiamo rispondendo di conseguenza. Stiamo adottando un approccio deciso ai prezzi e ai costi in tutti i nostri mercati per affrontare questa sfida”. Le vendite in Africa, Medio Oriente ed Europa sono aumentate del 5,5 per cento nel trimestre, ma quelle nelle Americhe e in Europa sono diminuite, rispettivamente del 3,4 per cento e del 2,3 per cento. Heineken non ha fornito dati sui prezzi o sui margini. “Con la crescita del volume della birra in Europa e nelle Americhe che mancano anche le aspettative, questo non è stato un trimestre vintage per Heineken”, ha affermato James Edwardes Jones, analista di RBC Capital Markets. Il rivale più grande del gruppo, Anheuser-Busch InBev, dovrebbe riferire i dati del terzo trimestre giovedì.

 

Fonte/Credits: Financial Times https://www.ft.com/

 

Ultimi Articoli

Unes avanza nel rebranding: nuove ristrutturazioni a Torino, Treviglio e Gavirate

0
La catena di grande distribuzione Unes continua il suo percorso di rebranding, avviato lo scorso novembre, trasformando tutti i suoi negozi sotto la nuova...

Nova Coop apre ad Ivrea un nuovo superstore

0
Da giovedì 18 luglio, la città di Ivrea, in provincia di Torino, accoglierà l'apertura di un nuovo superstore realizzato da Nova Coop. Situato in...

MD arriva a quota 186 negozi in Lombardia con il nuovo...

0
Il primo punto vendita MD a Lissone ha aperto le sue porte con un simbolico taglio del nastro al femminile, eseguito dalla Store Manager....

A Crescentino (VC) inaugura il primo PetStore Conad della zona

0
A Crescentino (VC) apre il primo PetStore Conad di via Faldella, un negozio con un'ampia gamma di servizi e prodotti per i nostri amici...

Apre il nuovo Crai Villafranca: focus su prodotti locali e freschi

0
Giovedì 4 luglio è stato inaugurato il nuovo supermercato Crai Villafranca, in provincia di Forlì. Il punto vendita offre oltre 2000 referenze, di cui...