GDO News
Nessun commento

Volano le vendite online della GDO: ad Aprile +34,7%

Prosegue inarrestabile la corsa delle vendite online della distribuzione moderna. Ad aprile sono state pari a 40,8 milioni di euro con balzo rispetto allo stesso periodo del 2018 nell’ordine del 34,7%, il tasso più alto dal dicembre scorso. Nei dodici mesi che vanno dal maggio 2018 all’aprile 2019 il totale delle vendite sale così a quota 471,6 milioni di euro con un progresso del 35,9%.

“In questi primi quattro mesi del 2019 tutti i principali comparti del largo consumo confezionato hanno fatto segnare crescite superiori al 30% – Marco Colombo, Director Solutions & Innovation di Iri, la società di analisi di mercato che effettua la rilevazione per Osserva Italia – Tra i best performer ci sono i surgelati, probabilmente il comparto che presenta le maggiori problematiche distributive. Un fatto emblematico di come il servizio di consegna sia alla base delle motivazioni di acquisto e di come un continuo miglioramento della filiera distributiva possa facilmente innescare una crescita esponenziale del mercato nel canale virtuale”.

{}

A conferma di questa lettura l’esperto di Iri evidenzia come la composizione degli acquisti online veda prevalere, nel confronto con l’offline, le confezioni di prodotto di maggiori dimensioni, indicando come la richiesta di servizio sia un fattore importante per chi utilizza il canale digitale per gli acquisti dei prodotti di largo consumo.

“Eliminare la fatica del trasporto e l’opportunità di fare scorta riducendo così la frequenza di acquisto, sono due importanti driver di scelta di questo canale – prosegue Colombo – Una conferma che l’online è utilizzato oggi prevalentemente come servizio viene anche dall’analisi dei prezzi degli acquisti dei prodotti del largo consumo confezionato: gli acquisti sul Web risultano in media più cari di oltre dieci punti percentuali rispetto ai negozi; quindi, se le grandi medie hanno un senso, le motivazioni all’acquisto nel canale virtuale non vedono al primo posto la ricerca della pura convenienza di prezzo”.

 

[Di Marco Frojo via Repubblica]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su