GDO News
Nessun commento

Passata la Pasqua le vendite della GDO rallentano (ma non al sud)

Nel periodo dal 6 al 12 maggio le vendite della distribuzione moderna sono diminuite dell’1,40% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Per la prima volta da metà marzo i due dati settimanali, quello del 2018 e quello del 2019, si possono finalmente di nuovo confrontare, perché è terminato il lungo periodo in cui i rilevamenti erano viziati da ponti e festività. Non si tratta dunque di un responso favorevole alla distribuzione moderna, che può però ancora vantare un progresso dal 1 gennaio (+0,39%). Ora mancano tre settimane alla fine del primo semestre, momento in cui si potrà fare un primo significativo bilancio del 2019.

Nei sette giorni in esame si è ancora una volta salvato solo il Sud (+1,35%), che ha indubbiamente una marcia in più rispetto al resto d’Italia. Il Centro è riuscito a limitare le perdite (-0,23%), mentre il Settentrione ha fatto registrare decisi cali: -2,09% il Nord-est e -2,79% il Nord-ovest.

Il rialzo cumulato da Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia dal 1 gennaio ammonta al 2,71%. Anche Toscana, Marche, Umbria, Lazio e Sardegna (+0,72%) mostrano un progresso. Il dato relativo al 2019 è invece in calo sia per Emilia Romagna, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia (-0,20%) che per Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria e Lombardia (-0,35%).

{}

 

[Marco Frojo via Repubblica]

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su