GDO News
1 commento

Sorpresa: la fattura elettronica permette di aggirare il famigerato articolo 62

“Ci stiamo riprendendo quello che siamo stati costretti a darvi con l’articolo 62”. A pronunciare questa frase, che ha mandato su tutte le furie l’agroindustria, sarebbe stato l’amministratore delegato di una nota insegna della Gdo, in risposta alle lamentele sui tempi di pagamento.

Tra i tanti problemi legati alla fatturazione elettronica, infatti, ce n’è uno che sta costando migliaia di euro alle aziende che forniscono i prodotti alimentari alla distribuzione. E riporta indietro le lancette e le conquiste contro le pratiche sleali a prima dell’approvazione dell’articolo 62.

Quando quello dei pagamenti era un un problema per l’industria e i tempi, fra consegna dei prodotti e incasso del dovuto, si dilatavano fino a toccare i mesi. Poi tutto era radicalmente cambiato con l’articolo 62 della legge 27 del 2012, relativo alla cessione di prodotti agricoli e alimentari, che stabilisce tempi certi per il pagamento: 30 giorni per le merci deteriorabili e 60 per tutte le altre. In entrambi i casi il termine decorre dall’ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura. E proprio qui sta l’inghippo.

Le aziende inviano normalmente le fatture il 30 del mese. Grazie alla Pec, prima, il ricevimento era immediato e scattava subito il conto dei 30/60 giorni. Ma la nuova fattura elettronica prevede invece la validazione da parte dell’agenzia delle entrate, che richiede fino a cinque giorni. E in questo modo fa slittare l’invio del documento ai destinatari nei primi giorni del mese. Allungando di fatto il pagamento a 60 giorni per le merci deperibili e a 90 giorni per le altre. Che, tradotto in cifre, significa migliaia di euro e un cambio radicale e imprevisto nei flussi di cassa.

Ovviare anticipando l’invio del documento è impossibile, perché emettendo la fattura il 25 si perderebbe l’ultima settimana di consegne del mese. E così, ciò che l’articolo 62 aveva sistemato, la fatturazione elettronica ha di nuovo rimesso in discussione.

 

[via alimentando]

Q COMMENTO
  1. Vito Domenico Maraglino

    Bella fregatura! Così produttori e commercianti legati alla GDO, sono destinati a chiudere i battenti.
    E come al solito a nessuno frega un “cavolo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su