GDO News
Nessun commento

Grocery: nell’ultimo quadrimestre del 2018 tutte le aree hanno reagito: in crisi la Toscana, l’Emilia Romagna, ed alcune Regioni del centro sud

Il mercato visto al microscopio di GDONews: ogni settimana forniamo ai nostri abbonati una profonda e dettagliata analisi sugli andamenti mensili della GDO. In questo articolo verrà analizzato l’andamento 2018 delle categorie del Grocery nelle quattro aree Nielsen (super+iper a rete corrente) ed ancor più nel dettaglio tutte le Regioni. I dati verranno messi a confronto con quelli del 2017, anno di grande entusiasmo e di grande fiducia del mercato. La lettura è riservata agli abbonati.

Nel 2018 l’area 1 è stata, in termini geografici, quella che ha contribuito maggiormente a determinare le sorti (in negativo) della performance dell’intero Paese a causa della conformazione molto variegata che la GDO presenta nel territorio, e che la designa come la parte del Paese (Nord Ovest) dove si produce il maggior fatturato. Anche l’area 3 e 4 hanno contribuito a deprimere i fatturati a causa della difficoltà a ripetere le eccellenti performance registrate l’anno precedente (2017). L’unica che ha vissuto un anno positivo è stata l’area 2, dentro la quale, però, non tutti i territori hanno dato positive prestazioni di fatturato. Nella presente analisi avremo modo di passare in rassegna le prestazioni di ciascuna Regione delle quattro aree Nielsen,  studiando le dinamiche di fatturato del Grocery a rete corrente nei canali Super+Iper.

***Il grafico/la tabella è visibile solo agli abbonati***

L’area 1

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Dati dell'autore:
Ha scritto 879 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su