GDO News
1 commento

In Francia nuova norma contro il sottocosto in Gdo fa aumentare i prezzi dei brand

E’ entrata in vigore il 1° febbraio la norma che impone alla Grande distribuzione di vendere i prodotti a prezzi superiori di almeno il 10% rispetto a quello di acquisto. Il provvedimento intende riequilibrare le relazioni tra agricoltura, industria e distribuzione moderna, contrastando la pratica del sottocosto e sostenendo di più i fornitori.

Verrà applicato in via sperimentale per due anni. Principalmente riguarderà i prodotti di brand più noti dove i margini di guadagno sono molto bassi. Le insegne che hanno aderito (tutte le principali tranne Leclerc) assicurano che ci sarà un bilanciamento dei prezzi, e quindi la spesa del consumatore rimarrà sostanzialmente invariata.

Secondo il ministero dell’Agricoltura e dell’Alimentazione, l’incremento riguarderà il 7% degli alimenti: circa 500 prodotti su 13mila nei supermercati e 800 su 20mila negli ipermercati. La nuova legge vieta anche le promozioni commerciali che riguardano più del 34% del valore e del 25% del volume. Tradotto: vieta le offerte “compri 1+1 gratis” e considera il 3X2 l’unica offerta ammissibile.

Tra le voci fuori dal coro, Michel Edouard Leclerc, presidente dell’omonimo gruppo: “Non abbiamo bisogno di aumentare i prezzi e tartassare i consumatori per acquistare meglio. Il legislatore ci chiede di applicare i rincari in concomitanza con le ripercussioni negative del movimento dei gilet gialli e dei vari interrogatici sul potere di acquisto. Trovo che sia un vero delirio”.

 

[via alimentando]

Tagged with: ,
Q COMMENTO
  1. Aurelio

    E bello che non sara pubblicato avete paura di dimostrare i vs furti ai poveri associati che muoionoappresso a voi

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su