GDO News
Nessun commento

Melegatti, addio al pandoro. Il tribunale decreta il fallimento

Il tribunale di Verona ha dichiarato il fallimento della Melegatti e della controllata Nuova Marelli. Lo si apprende da fonti sindacali. La giudice Giulia Rizzuto ha accolto l’istanza di fallimento presentata dal pm di Verona Alberto Sergio.

Si chiude così la tormentata vicenda della storica azienda dolciaria con sede a San Giovanni Lupatoto. Il Tribunale ha accolto l’istanza presentata venerdì dal pubblico ministero, constatata la pesante situazione debitoria di Melegatti. I dipendenti dell’azienda, tra diretti e lavoratori stagionali, sono 350. La pronuncia è arrivata proprio nel giorno in cui, con un’inserzione a pagamento, i lavoratori avevano lanciato un appello chiedendo di separare il giudizio sulle responsabilità degli amministratori dalle strade che potrebbero dare un futuro all’azienda per la quale il fondo americano D.E. Shaw & C. aveva presentato un piano di salvataggio e la previsione di un investimento di 20 milioni di euro per rilanciare la società fondata da Domenico Melegatti, che nel 1894 depositò il brevetto del pandoro. Secondo le ultime stime il debito del Gruppo Melegatti ammonta a circa 50 milioni di euro.

Il manifesto dei lavoratori
«La Melegatti siamo noi»: è il titolo del manifesto-lettera che i dipendenti di Melegatti e Nuova Marelli hanno pubblicato sul quotidiano “L’Arena”. I lavoratori del gruppo dolciario, sul quale pendeva l’istanza di fallimento presentata dal pm Alberto Sergio, hanno rivolto un appello al giudice del Tribunale. Il collegio presieduto da Silvia Rizzuto doveva decidere se concedere una proroga per un’eventuale concordato che avrebbe salvato Melegatti, oppure accogliere la richiesta di fallimento. Così è stato. Nel documento, come detto, i dipendenti chiedevano di separare il giudizio sull’operato degli amministratori da quello sul futuro di 350 famiglie. «In questa triste storia che viviamo sulla nostra pelle e su quella delle nostre famiglie, vicenda con tantissimi lati poco chiari, anche noi dipendenti, autonomamente, vogliamo dire la nostra» si legge nel comunicato.

La parte onesta e credibile dell’acienza
«Nonostante tutto noi rappresentiamo la parte onesta, credibile e seria; noi siamo coloro che fino ad oggi con dignità, sacrificio e senso del dovere – aggiungono – hanno mantenuto in vita l’anima dell’azienda, il suo lievito madre e allo stesso modo stiamo tenendo in vita la speranza». Nel testo pubblivcato sull’Arena, i dipendenti difendevano la proposta arrivata dal fondo americano D.E. Shaw & Co. «che da oltre un anno sta lavorando per questo e che inspiegabilmente non è stato preso in considerazione, mentre al contrario si sono avvicendate tante situazioni/soluzioni particolarmente curiose. Ci permetta di continuare a conservare la nostra dignità, a mantenere inalterato l’orgoglio di lavorare per questa grande azienda e di continuare ad avere un futuro per noi e per le nostre famiglie». Un appello che, a quanto pare, non ha fatto breccia.

L’epilogo della vicenda arriva a circa tre mesi da quando il Tribunale aveva concesso il concordato preventivo, riaprendo le speranze per il brand e per i 350 addetti, impegnati nella produzione dei dolci legati alla Pasqua, dopo che, in occasione delle festività natalizie si era verificata anche una campagna di solidarietà per l’acquisto dei pandori Melegatti. La palla ora passa alla curatela fallimentare. Le difficoltà di Melegatti erano emerse prima del Natale 2017, a causa della forte situazione debitoria. Nel mese di novembre era stata presentata domanda di concordato preventivo in bianco, procedura che dava tempo alla società di trovare una soluzione alla sua crisi. Nel frattempo, si era riusciti a portare avanti la produzione del pandoro per la stagione natalizia grazie all’intervento del fondo maltese Abalone. Aveva poi mostrato interesse per rilevare Melegatti Hausbrandt Trieste 1892, il marchio trevigiano del caffè di Fabrizio Zanetti, con i lavoratori intanto messi in cassa integrazione. Non si era però arrivati a una soluzione positiva e alla scadenza dei termini per la presentazione di una proposta di concordato preventivo si è aperta la strada del fallimento.

 

[via ilsole24ore]

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su