GDO News
1 commento

L’inarrestabile crescita delle vendite alimentari su Amazon

In Usa la spesa on line è già in mano al colosso di Seattle, ma anche in Europa la crescita non si ferma, soprattutto in paesi come il Regno Unito e la Germania

Quasi il 50% di crescita con un incremento di quasi 200 milioni di dollari. Sono le stime delle vendite di prodotti alimentari su Amazon negli Stati Uniti nel primo trimestre di quest’anno secondo le analisi di One Click Retail, una delle fonti più autorevoli al mondo quando si parla di eCommerce.

La guerra per conquistare lo scettro di retailer di riferimento della spesa on line è partito da tempo e Amazon non solo è in testa ma sta anche guadagnando sempre più terreno, soprattutto rispetto al competitor per eccellenza della creatura di Jeff Bezos nel mercato a stelle e strisce, vale a dire Walmart, che on line detiene solo il 9% di quote di mercato contro il 18% di Amazon.

E il divario può certamente aumentare considerando le sinergie che il colosso di Seattle può fare con Whole Foods, la nota insegna della Gdo americana acquisita l’anno scorso per più di 13 miliardi di dollari: da febbraio, infatti, i membri di Prime Now in città come San Francisco, Atlanta e Los Angeles possono acquistare on line anche i generi alimentari freschi di questa insegna e vederseli consegnare a casa in due ore dall’ordine.

Alimentari_Amazon

Questa, secondo One Click Retail, è solo una delle tante mosse che Amazon sta facendo e farà anche in futuro per conquistare il mondo dell’alimentare, sia confezionato che fresco, attraverso varie formule che vanno da Amazon Go a Pantry, un servizio che probabilmente ha rallentato la sua crescita ma nei confronti del quale si pensa ad un deciso rilancio, considerando che comunque nell’ultimo trimestre ha generato vendite per circa 55 milioni di dollari.

USA: il caffè sempre il più venduto, ma crescono i deperibili

Gli alimentari più venduti da Amazon negli Stati Uniti? In cima le bevande, in particolare il caffè, da sempre la categoria di alimenti più venduta da Amazon. E sebbene questa categoria rimarrà certamente ancora per molto tempo la più acquistata, secondo l’analisi non bisogna sottovalutare altre categorie che già ora stanno dando segnali molto interessanti, anticipatori di un cambiamento in atto. Secondo il rapporto, infatti, il fatto che latte e panna sia la sottocategoria alimentare con la crescita più elevata (+152%) è sintomo che i consumatori stanno cominciando a dare fiducia ad Amazon nell’acquisto quotidiano anche di alimenti deperibili, considerandolo come un normale negozio di alimentari.

Europa, in UK e Germania strapotere delle bevande alcoliche

Sebbene su volumi completamente differenti, anche in Europa la crescita delle vendite di generi alimentari di Amazon aumenta. Nel Regno Unito è un mercato da 45 milioni di sterline, sempre nel primo trimestre del 2018, con una crescita 45% rispetto al 2017, in Germania di 65 milioni di euro in crescita del 33%. Sul fronte degli alimenti più venduti, in questi due paesi, rispetto agli Stati Uniti, lo scenario cambia anche se sono comunque le bevande la categoria più importante. Nel Regno Unito Amazon vende soprattutto birra, vino e alcol in generale, a seguire prodotti da forno, snack e dessert, mentre il caffè si è stabilizzato e cresce meno rispetto al 2016 ad esempio.

La Germania, invece, per Amazon è il mercato più importante in Europa sul fronte dei volumi movimentati nonché quello dove probabilmente sta più investendo con o servizio Amazon Fresh, presente ad Amburgo, Monaco di Baviera e Berlino. Anche qui la categoria più importante è quella delle bevande alcoliche che da sola rappresenta il 40% delle vendite complessive, mentre a crescere è la categoria degli snack & dessert, mentre si sono fermate le vendite dei prodotti per l’infanzia, nel 2016 i prodotti più venduti in Germania.

 

[fonte]

Tagged with: , , ,
Q COMMENTO
  1. bruno de vendittis

    Lo sviluppo di Amazon è sintomo di un grandissimo cambiamento in atto che ribalta , offrendo opportunità incredibili , a tutto il commercio al minuto. Non esiste più quindi solo un concetto di dimensione dell’attività del retailer in senso lato , bensì la capacità di questi ultimi di unirsi in gruppi ed offrire il proprio servizio ad Amazon.

Rispondi a bruno de vendittis Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su