GDO News
Nessun commento

I 250 top retailer di Deloitte: Walmart al vertice, Amazon avanza, catene italiane nane

Italiani rimandati a settembre nell’arte del commercio.
Anche quest’anno il report di Deloitte sul retailer mondiale decreta il trionfo delle catene commerciali americane (fisiche e online) e tedesche. Con Amazon che scala posizione dopo posizione. I francesi scivolano sempre più in basso e quelle italiane restano nani in purgatorio: Coop al 72esimo posto, Conad al 78esimo, Esselunga al 131esimo e il discounter Eurospin al 187esimo. Insomma nulla a che vedere con i francesi e, tanto meno, con i tedeschi,

Coop leader
La catena delle cooperative ha fatturato 13 miliardi di dollari nel 2016 e guadagna 4 posizioni rispetto al 2015 ma la crescita media annua composta (Cagr) dal 2011 è stata solo dello 0,3%. Meglio Conad con 12,3 miliardi e +3,1% di Cagr, ma rimane in 78esima posizione. Esselunga, con 7,6 miliardi di revenue, scende di sei posti nella classifica di Deloitte (Cagr al 2,6%) mentre Eurospin con 5,1 miliardi di dollari ne guadagna una.

Nel complesso la Gdo italiana nell’esercizio fiscale 2016 è cresciuta dello 0,9%, trainata principalmente dai volumi, a un ritmo inferiore dal +3,4% del 2015. “In termini di redditività, da analisi comparative effettuate da Deloitte – afferma Dario Righetti, partner di Deloitte – si conferma una sostanziale tenuta, per la Gdo Italia, del margine commerciale, peraltro superiore a quello registrato da un campione internazionale. Nonostante questo positivo risultato, la Gdo italiana registra un margine operativo quasi dimezzato rispetto al campione internazionale, per effetto di minori sinergie e maggiori costi di trasporti ed energia”.

La scalata di Amazon
Nella lotta al vertice è quasi inutile sottolineare che Walmart rimane saldamente in testa ai Top 250 con 485 miliardi di ricavi ma un’asfittica crescita media annuale 20011/16 dell’1,4%. A seguire posizioni invariate per le americane Costco e Kroger, la tedesca Schawarz group e ancora la statunitense Walgreens.
In sesta posizione, e con un balzo di 4 gradini, il fenomeno Amazon, il più grande e-retailer al mondo, che con 96,4 miliardi di dollari (+19,4%) straccia gli inglesi di Tesco (72,4 miliardi) , il discounter tedesco Aldi (84,9 miliardi) e la blasonatissima francese Carrefour (84,8 miliardi).

A livello globale il fatturato dei 250 più grandi retailer ha raggiunto nell’esercizio fiscale 2016 i 4.400 miliardi di dollari, con una crescita composita del 4,1% dal precedente esercizio fiscale.

 

[via ilsole24ore]

Tagged with: ,

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su