martedì 25 Giugno 2024

Pasta, produzione trainata dall’export

Voglia di pasta italiana senza frontiere, ma per continuare a macinare nuovi record i produttori devono saltare le barriere erette da alcuni Paesi e rispondere agli atti di concorrenza sleale. Per questo da metà giugno si costituirà una cabina di regia a livello ministeriale.

Intanto il 2014 si è chiuso con un buon risultato: secondo i dati di Aidepi, l’associazione di pastai e dolciari, la produzione ha raggiunto i 4,63 miliardi di valore (4,55 l’anno prima) e i 3,46 milioni di tonnellate (3,4 milioni) mentre l’export è cresciuto del 3,6% in volume (1,971 milioni di tonnellate) e del 3,5% in valore (2,087 miliardi di euro). Nel primo bimestre del 2015 l’export, secondo i dati di Federalimentare, si è rafforzato, salendo da 363 milioni a 379.

Nella Top five 2014 delle destinazioni si confermano Germania, Regno Unito, Francia, Stati Uniti e Giappone. Questi cinque paesi hanno acquistato complessivamente circa il 57,5% dell’export italiano di paste alimentari (circa 1,2 miliardi di euro).

L’Europa si conferma l’area geo-economica di maggior assorbimento di pasta italiana: assorbe il 73,6% dei volumi e il 73,2% dei valori esportati. In ambito europeo mantiene la leadership la Russia con circa 60mila tonnellate di paste alimentari (+11,5% rispetto al 2013), per un valore di circa 55 milioni di euro (+10,8%). Ma la pasta italiana ha continuato a guadagnare consensi anche su altri mercati lontani. Oltre agli Stati Uniti, continua l’ottima performance del mercato colombiano (3,5 milioni di euro, +30%). La performance dell’area asiatica continua, complessivamente, ad avere un trend positivo: oltre 215mila tonnellate (+4,3%) per un valore di 203 milioni di euro (+0,7%).

Nel dettaglio, oltre al Giappone che fa la parte da leone, si registrano trend molto positivi di Israele (+13,1% in valore), Corea del Sud (+9,9%) e Cina, in cui abbiamo esportato circa 15.500 tonnellate (+38%) per un valore di 13,3 milioni di euro (+30%).

Quanto alla cabina di regia, il presidente di Aidepi Paolo Barilla sottolinea che «la prima convocazione dovrebbe avvenire a metà mese. Siamo molto fiduciosi». L’obiettivo più generale è di fare della pasta una filiera sempre più integrata e competitiva sui mercati esteri, in grado di respingere la concorrenza (a volte sleale) dei competitor e limitare i danni arrecati dai dazi di stampo protezionistico.

«La pasta è un settore rilevante dell’economia italiana – aggiunge Barilla, a margine di un evento sul “no alle diete no carb” – ma rischiamo di cedere il passo ad aziende non italiane, che, supportate da politiche di governo incentivanti, hanno finito con il comprimere i margini delle imprese. Le concause del fenomeno sono diverse, ma bastano la crisi dei consumi, la stretta creditizia e l’elevata capacità produttiva installata inespressa, pari al 33% circa».

Claudio Zannetti
Claudio Zannetti
Consulente commerciale e marketing di esperienza pluridecennale nel settore non food. Ricopre il ruolo di referente commerciale di GDONews per il nord Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Despar Centro-Sud riammoderna la rete e va a quota 30 punti...

0
Sostenibilità, modernità e nuovi servizi. Sono i paradigmi con i quali Despar Centro-Sud presenta al pubblico il rinnovato Interspar di Policoro (Matera), all’interno del quale è appena terminato un importante progetto...

Pam Local apre un nuovo punto vendita a Roma

0
La storica insegna della grande distribuzione ha inaugurato il 36esimo Pam local della città in via Enrico Fermi, 29. Continua l’importante espansione di Pam Panorama...

Claire Caulliez è il nuovo nome di Nestlé per l’Head of...

0
Il Gruppo Nestlé in Italia ha scelto Claire Caulliez come nuova NIM (Nestlé in the Market) Head of Finance & Control Italia e Malta...

Conad Centro Nord chiude il 2023 con oltre 2 miliardi di...

0
Secondo l'Assemblea di Bilancio dei Soci della cooperativa, il fatturato della rete di vendita di Conad Centro Nord ha raggiunto i 2.086 milioni di...

CIA Conad apre il nuovo Pet Store Conad di Verucchio (RN)

0
Trecentosessanta metri quadri tutti dedicati agli amici animali: è questa la novità che attende i frequentatori del centro commerciale Valmarecchia di Verucchio, in provincia...