domenica 19 Maggio 2024

Selex vista al microscopio di 5 anni di Bilanci: il capitolo dedicato alla crescita

Nelle righe sottostanti viene riportato un pezzo di un importante capitolo del libro “Selex, la DO di grandi imprese. Analisi finanziaria di Unicomm, Maxi Dì, Alì, Superemme e Megamark” relativo alla crescita che negli ultimi 5 anni di Bilanci pubblicati (2009-2013) ha contraddistinto il Gruppo milanese. L’analisi completa è molto profonda e mette l’accento sulle eccellenze delle aziende e sul loro Business ma anche sui limiti che contraddistinguono il lavoro quotidiano delle stesse. Il manuale è una puntuale analisi dei Bilanci delle aziende citate ad opera del dott. Giuseppe Di Napoli, conosciuto analista finanziario esperto di Grande Distribuzione Alimentare.

Il grafico che segue evidenzia il trend medio annuo (2009-2013) di crescita del fatturato e lo confronta con quello della Redditività Operativa Lorda (EBITDA), ovvero il principale indicatore reddituale di ogni impresa (EBITDA = Ricavi – consumo di materie prime, servizi, affitti e noleggi, personale, altri costi operativi).

image022

 

Il grafico è diviso in quattro quadranti, a seconda del segno delle due variabili considerate (crescita / decrescita). Per chiarezza riportiamo la tabella dalla quale sono stati estrapolati i dati di input.

image023

Possiamo osservare come, fra le sei aziende appartenenti al mondo Selex, Maxi DI (D-più nel riquadro) sia stata l’unica ad avere aumentato, in media, la redditività molto di più rispetto al fatturato (circa il doppio), mentre al contrario Superemme e, soprattutto Megamark, a fronte di un andamento negativo delle vendite, hanno sperimentato un marcato calo della redditività operativa. In particolare, a fronte di un calo medio annuo dei ricavi del 2% dal 2011, Megamark ha perso il 29% all’anno del suo reddito operativo lordo.

Per quanto riguarda le altre aziende osserviamo come Alì abbia accresciuto vendite e reddito in modo proporzionale, garantendo le basi per una sana crescita, mentre Dimar ed Unicomm abbiano operato registrando uno sviluppo del reddito meno che proporzionale rispetto al trend delle vendite (perdita di marginalità operativa causata da una crescita dei costi generali e di personale superiore al trend del margine commerciale).

Se osserviamo i dati riferiti all’ultimo esercizio di cui si dispone del bilancio possiamo avere anche un’idea più precisa della performance più recente in termini di crescita. [..]

L’e-book completo è disponibile a cliccando qui

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!

Ultimi Articoli

Demografia, sociologia ed economia, le famiglie italiane sospese fra presente e...

0
In occasione della seconda giornata della 39° edizione de Linkontro, l’evento di riferimento nel mondo del Largo Consumo di NIQ, i relatori Christian Centonze,...

Foggia: Gruppo Megamark investe più di 8 milioni per il suo...

0
Il punto vendita, realizzato secondo i dettami della sostenibilità ambientale, è il trecentesimo Famila in Italia. Novità assoluta il Bistrò Famila con cucina visiva.  Ha...

NIQ a Linkontro: frena l’inflazione, si raffreddano i prezzi ma gli...

0
NIQ (NielsenIQ) in occasione della 39° edizione de Linkontro, l’evento di riferimento nel mondo del Largo Consumo, registra per il 2024 oltre 900 presenze...

A Comacchio (FE) inaugura il primo PetStore Conad della città all’interno...

0
Dopo l’apertura dello Spazio Conad, Comacchio accoglie il nuovo PetStore Conad, il primo della città: oltre 5.000 referenze tra alimenti, prodotti dietetici e parafarmaci...

Il mondo delle meraviglie di FAO Schwarz arriva nel cuore di...

0
Dopo Milano, Parigi. FAO Schwarz, nato nel 1862 dal sogno di Frederick August Otto Schwarz di creare un luogo unico in cui i migliori...