Esselunga: Caprotti apre ai manager

3

Attraverso una lettera aperta inviata ai 19 mila dipendenti, Bernardo Caprotti ha delineato il futuro di Esselunga. Dopo avere lasciato la presidenza del gruppo a Vincenzo Mariconda, gia’ membro del Consiglio Superiore della Magistratura e presidente di Risanamento, scrive Milano Finanza, il proprietario della prima catena privata della grande distribuzione e’ pronto coinvolgere la prima linea dei manager nella gestione, mantenendo comunque la responsabilita’ delle strategie, delle risorse umane e dell’adeguamento della rete dei 143 supermercati operanti nel Centro Nord Italia. Si tratta di una svolta epocale, perche’ forse per la prima volta l’86enne imprenditore milanese ha deciso di mollare la presa e di condividere parte della responsabilita’ della gestione di un’azienda che genera 6,2 miliardi di fatturato con i suoi uomini piu’ fidati. “E’venuto per me il momento di fare un passo indietro. Il presidente del cda sara’ persona eminente, non operativa, che contribuira’, pero’, a traghettare l’azienda verso una piu’ strutturata direzione manageriale”, si legge nel documento che MF-Milano Finanza ha potuto consultare. Anche se, ribadisce Caprotti, “continuero’ a far parte del consiglio e a occuparmi di temi strategici, risorse umane e adeguamento della rete, come sin qui fatto”.

 

Dott. Andrea Meneghini
Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare. E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei diversi format in Italia ed in Europa. Collabora con alcuni Gruppi della GDO italiana nelle aree di crisis communication management e news management. Affianca la Direzione Generale di alcuni Gruppi della GDO nella gestione delle strategie aziendali. Collabora anche con aziende del Mass Market Retail all'estero come assistant manager sull'italian food. Si può contattare scrivendo a meneghini@gdonews.it

3 Commenti

  1. …Tenace fino alla fine. D’altronde se non fosse stato tenace ( ed anche molto capace e lungimirante) non avrebbe costruito un modello distribuitivo che rappresenta un punto di riferimento per chiunque fa distribuzione.

  2. Tenace ?..? Secondo me e un uomo solo un genio pazzo, ero l’amministratore di un azienda ortofrutticola che riforniva esselunga in esclusiva, che fatturava 13 milio di euro,il 9gennaio 2004 quando sbatte’ fuori il figlio e i dirigenti fecce fuori anche tutte le aziende che questi avevano fato crescere aziende sane oneste ! Mi chiesero’ di dire il falso cioè di dire che mi avevano chiesto tangenti, cosa non vera ! Mi minacciarono di sbatterai fuori,cosa che fecero’ perché io non potevo incolpare persone che mai mi avevano chiesto qualcosa in cambio di favori!! Ora la mia azienda non esiste più fallimento !!! Vi posso garantire che come e un grandissimo manager (forse e rilutivo) e una persona sola malvagia cattiva nella sua anima ! Ho avuto l’onore di conoscere il figlio genio come il padre ma un uomo vero !
    Bernardo perché non chiami tuo figlio e le chiedi scusa ??? Almeno potrai dire che la tua vita a avuto uno scopo . Come vedi ho firmato nome e cognome perché a me ormai non poi più far paura con i tuoi modi un po’ nazisti ! Ti auguro che un giorno nella tua tomba i tuoi nipoti metano un fiore vuol dire che ti hanno perdonato…. Io brinderò ! Ciao Bernardo

  3. quanta cattiveria su un uomo che si e’ fatto sempre rispettare!!!! se ha fatto fuori quelle aziende che la rifornivano un motivo ci sara’ stato.se lasciava fare al figlio ….CE NE FOSSERO COME CAPROTTI IN ITALIA !!!!

Rispondi a Raul Cancella la risposta

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui