GDO News
Nessun commento

Nasce Keurig-Dr Pepper, colosso mondiale del beverage

Dr-Pepper-Snapple-835

Il caffè Keurig compra la Dr. Pepper e permette al marchio di punta, la 7Up, di allargarsi le spalle abbastanza da giocare un ruolo di peso nella sfida a Coca-Cola e Pepsi. Con un’operazione da 18,7 miliardi di dollari Keurig Green Mountain acquista Dr. Pepper Snapple, creando un colosso delle bibite in grado di competere con molti big, inclusa Nestlè. L’annuncio mette le ali a Dr Snapple, che arriva a guadagnare in Borsa quasi il 30%, mentre Coca-Cola perde l’1,73%.

La transazione, tutta in contanti, si inserisce nel boom di fusioni e acquisizioni a livello mondiale: dall’inizio dell’anno sono state annunciate operazioni per 273 miliardi di dollari, con gennaio il mese più attivo dal picco della bolla dotcom del 2000. A spingere l’ondata è l’ottimismo sulla ripresa economica e sulla riforma delle tasse americana, ma anche l’euforia dei mercati finanziaria. Il rally delle borse ha innescato una fuga dai bond, con i prezzi dei Treasury americani scesi ai minimi degli ultimi quattro anni, con i rendimenti – che salgono quando i prezzi calano – che hanno toccato il 2,71%.

Dall’unione di Keurig con Dr. Pepper Snapple nasce Keurig Dr Pepper, una società con ricavi per 11 miliardi di dollari. Il colosso sarà controllato per l’87% dagli azionisti Keurig e per il 13% da quelli di Dr Pepper Snapple. JAB, la holding controllata dalla famiglia tedesca Reimann, sarà il maggiore azionista, mentre Mondelez International avrà il 13-14%.

“L’unione creerà una società di bibite in grado di soddisfare tutti i bisogni degli azionisti” afferma Bob Gamgort, amministratore delegato di Keurig che sarà alla guida della nuova società. Fra gli advisor che hanno lavorato all’accordo c’è Antonio Weiss che torna così al suo core business: l’ex Lazard è stato infatti funzionario del Tesoro americano sotto Barack Obama e ora, con Keurig, torna alle origini rientrando ufficialmente nel mercato delle fusioni e acquisizioni, nel quale è rinomato per essere una delle figure più eminenti a Wall Street.

Per Dr Pepper la fusione rappresenta un’importante occasione: come Coca-Cola e Pepsi anche Dr. Pepper era alla ricerca di modalità per ampliare il suo portafioglio prodotti verso bibite meno zuccherate, come i succhi, l’acqua e il caffè e tè. “Siamo la prima società a unire bevande calde e fredde su grande scala, e riteniamo di poter partecipare efficacemente al consolidamento in atto nell’industria” aggiunge Gamgort, stimando 600 milioni di dollari di risparmi annuali entro il 2021. L’accordo dovrebbe essere finalizzato entro la fine del secondo trimestre, una volta incassato il via libera degli azionisti di Dr. Pepper e delle autorità.

I giganti statunitensi di bevande analcoliche corrono per diversificare i loro portafogli offrendo bevande più salutari mentre i consumatori statunitensi si allontanano dal consumo bibite gassata. Nel 2014, prima di quest’operazione, Coca-Cola aveva preso una quota del 17,4% del gruppo e siglato una partnership in base a cui Keurig Green Mountain avrebbe dovuto produrre per lei un macchina per la soda per competere con SodaStream. La quota è stata però venduta dopo l’acquisizione di Keurig da parte di Jab.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su