GDO News
1 commento

Bennet, Pam e Il Gigante: 5 anni di Bilanci e studi a confronto. In esclusiva su GDONews

cop

Questa settimana, finalmente, esce un bel libro edito da PR Italia, con vendita esclusiva su GDONews, relativo alle performance dei gruppi italiani del Mass Market Retail Bennet, Pam Panorama ed Il Gigante.

Le tre aziende si cimentano, dalla loro nascita, nel Mass Market Retail con stores di grandi metrature, gli Ipermercati.

Come si legge dai dati di mercato che pubblichiamo da anni ogni settimana, il format Ipermercati è in crisi da tempo e quindi risulta naturale domandarsi quali sono le ripercussioni che soffrono i protagonisti del mercato che si cimentano in questo tipo di offerta.

L’autore del Libro, il dott. Giuseppe Di Napoli, senior Partner della società di consulenza Obiettivo Valore Srl, analista AIAF, esperto di Grande Distribuzione italiana, assieme al Dott. Luca Cipolloni, analista finanziario presso Obiettivo Valore, co-autore del libro, nel delineare gli scenari delle singole società esaminate, si avvalgono di un profondo studio compiuto sui Bilanci delle singole società, quelli pubblicati negli anni che vanno dal 2012 al 2016, ovvero quelli ad oggi disponibili.

Alcuni dati il dott. Di Napoli li ha desunti studiando e mettendo a confronto la Mappa della GDO di GDONews.it ed i dati dichiarati nei suddetti Bilanci.

Il Libro sarà scaricabile gratuitamente dagli abbonati PREMIUM, per tutti i lettori sarà invece acquistabile on line dentro il portale GDONews.it.

E’ stato realizzato per riunire sotto un unico cappello tre aziende e tre studi compiuti dapprima separatamente e poi uniti per dare una lettura globale, non tanto delle singole insegne, bensì del trend generale di un formato, quello Ipermercati, che vive di una crisi mondiale e che costringe quotidianamente i retailers a rivedere le strategie per continuare a sviluppare business con profitto.

In pratica si tratta di 3 libro in 1.

In verità Pam ha un numero limitato di Ipermercati (25) e quasi 200 supermercati e superstores, mentre Bennet, con una rete prevalentemente di Ipermercati, ha in sé anche grandi supermercati. Il Gigante sviluppa un format più omogeneo che parte dal superstore ed arriva all’Ipermercato, più simile a Bennet che a Pam.

Il Giro d’affari e le redditività

Il primo dato che l’autore prende in considerazione è il fatturato, nel cui trend si vedono già i segni di quella crisi che noi analisti commentiamo da anni e che denotano una disaffezione del consumatore verso l’offerta degli Ipermercati. Il gruppo PAM è passato da un fatturato del 2012 pari a 1.891 milioni di euro ai 1.671 milioni dichiarati a Bilancio nel 2016. In 5 anni il Gruppo di Treviso ha perso più di 200 milioni di euro di fatturato.

2

Di questi, oltre 100 milioni sono stati perduti tra il 2012 ed il 2013, e 50 milioni di euro tra il 2015 ed il 2016.

Anche il Gruppo Bennet ha perso circa 200 milioni di euro tra il 2012 ed il 2016, ed anche Bennet ha vissuto una perdita consistente tra il 2015 ed il 2016, oltre 70 milioni di euro.

Il Gigante, al contrario, dal 2012 al 2016 ha aumentato il fatturato, ma questo è passato per una grossa crisi tra il 2012 ed il 2013, con una perdita di circa 150 milioni di euro, per poi risalire e superare la barriera del miliardo di euro nel 2014 e da allora, più o meno, mantiene la controcifra ogni anno.

22

Un altro dato interessante presente nel libro è come sia mutata la forza lavoro dentro le tre aziende durante il quinquennio in oggetto. Bennet, in particolare, ha fatto di necessità virtù ed ha omogeneizzato la struttura interna asciugando il proprio organico con una diminuzione di oltre 1200 addetti in 5 anni.

Pam, cimentandosi in un formato più piccolo, non ha potuto abbassare la numerica degli addetti ed ha sostanzialmente mantenuto la numerica negli anni.

Il fatturato a metro quadrato delle 3 aziende è, nel 2016, intorno ai 5 mila euro piu o meno per tutte e tre le imprese.

Il fatturato medio per punto di vendita passa dai circa 21 milioni di euro per Bennet, agli 11 milioni per Pam, in linea con le metrature medie delle singole insegne.

Il Libro, nella sua parte più squisitamente tecnica, entra nel cuore della sua analisi e descrive in maniera analitica il primo margine di ogni singola impresa, il valore aggiunto, affronta poi l’EBIT margin ed il Profit margin per ogni anno per ogni Insegna.

Le singole rotazioni del magazzino ed i giorni medi di giacenza delle merci per ogni Insegna per ogni anno, i Tempi medi di pagamento ed infine le redditività dell’attivo (ROI) e le redditività dei mezzi propri (ROE) per ogni Insegna e per ogni anno.

Pagine e pagine con grafici, analisi e spiegazioni che portano a galla tutti i segreti di queste tre grandi aziende attive su mercato italiano.

Q COMMENTO
  1. antonio di natale

    In pratica si tratta di 3 libro in 1.
    =================
    e perché no una vostra iniziativa con un numero speciale che mette a confronto tutta la gdo italiana. questo permetterebbe di dare un qaudro completo della realtà italiana agli operatori. allora il costo dell acquisto è piu che giustificato. antonio di natale

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su