GDO News
Nessun commento

Etichette a semaforo, la Francia pubblica il decreto sul Nutri-Score che diventa così ufficiale dopo il via libera della Commissione Ue

Nutri-Score-450x283

Buone notizie per i consumatori francesi. Questa mattina, presso il Ministero della salute, è stato firmato il decreto che riconosce il Nutri-Score come modello ufficiale di etichettatura nutrizionale semplificata. La firma arriva una settimana dopo il “silenzio assenso” con cui Bruxelles ha dato il via libera al logo multicolore transalpino. La Commissione europea aveva tempo fino al 25 ottobre per esprimere parere negativo all’etichetta, ma, come nel caso delle etichette a semaforo britanniche, non ci sono state obiezioni.

Il Nutri-Score è un logo che esprime la qualità nutrizionale globale degli alimenti in modo chiaro e immediato attraverso l’impiego di cinque colori, dal verde al rosso, a cui corrispondono cinque lettere dell’alfabeto, dalla ‘A’ alla ‘E’ (vedi foto sopra). Il colore viene attribuito considerando la presenza di ingredienti e nutrienti da limitare, come gli zuccheri semplici e il sale, ma anche quelli positivi per la salute, come fibre, frutta e verdure. Il modello è stato scelto dopo una sperimentazione condotta in alcuni supermercati tra diversi sistemi di etichettatura, che ha individuato nel Nutri-Score il logo più efficace per migliorare la qualità nutrizionale del carrello.

Adesso il logo multicolore potrà finalmente essere adottato in via volontaria dalle aziende alimentari e stampato sui prodotti. Già nell’aprile 2017, le catene di supermercati Auchan, Intermarché e Leclerc e i produttore alimentari Fleury Michon, Danone e McCain avevano dichiarato pubblicamente l’intenzione di adottare il Nutri-Score dopo la pubblicazione del decreto che adesso è arrivato. All’interno di questa strategia si inserisce la mossa di sei grandi multinazionali – Coca-Cola, Nestlé, Mars, Mondelez, Pepsico e Unilever – che hanno annunciato lo sviluppo di un modello alternativo, sulla base delle etichette a semaforo inglesi, da usare in tutta Europa.

 

[via il fatto alimentare]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su