GDO News
Nessun commento

Granarolo acquisisce il 24% di Venchiaredo

granarolo

Il Gruppo lattiero-caseario bolognese entra nel capitale del primo produttore di stracchino in Italia per la private label

Granarolo S.p.A., uno dei principali operatori agroindustriali a capitale italiano, acquisisce da Emmi Holding Italia, branch italiana del grande gruppo lattiero caseario svizzero, il 24% di Venchiaredo S.p.A. Si tratta di un’azienda lattiero-casearia friulana, specializzata nella produzione di stracchino, con sede a Ramuscello di Sesto al Reghena (Pordenone). La produzione di Venchiaredo, con un fatturato registrato nel 2016 di 24,1 milioni di euro, è destinata per circa il 70% a clienti terzi della Gdo e discount, e per il restante 30% ad altri player industriali.

Controllo di filiera

Con questa operazione – dichiara Gianpiero Calzolari, Presidente di Granarolo S.p.A. – acquisiamo un asset strategico e complementare con la nostra produzione: il terzo produttore di stracchino in Italia e il primo per la private label. La Società propone un modello di controllo di filiera perfettamente in linea con quello di GranaroloFortunato Forner, Presidente di Venchiaredo Società Cooperativa e Alessandro Driussi, Presidente di Venchiaredo S.p.A., hanno commentato: Questa operazione è una vittoria per la filiera di Venchiaredo che, accanto a quella di Granarolo, saprà valorizzare il lavoro degli allevatori friulani nostri soci. Siamo sicuri che le sinergie che si verranno a creare e i progetti di sviluppo su cui stiamo già lavorando daranno nuova linfa alla società e valorizzeranno le persone, allevatori e collaboratori. Nell’ambito della propria strategia di crescita del piano industriale, Granarolo continua in un percorso di acquisizioni ad alto valore aggiunto. Da una parte diversificando prodotti e aree geografiche, e dall’altra, come in questo caso, puntando al proprio prodotto core attraverso operazioni sinergiche con il proprio modello di business.

[via foodweb]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su