GDO News
Nessun commento

Potere di acquisto ancora al palo, ma i consumi sono in crescita

carrello6

Il Rapporto Coop 2017 riporta un aumento dell’1% nel 1° semestre dell’anno. Sugli scudi i prodotti alimentari, trainati da frutta, verdura (+10,4%) e biologico (+40%)

Potere di acquisto ancora al palo, ma i consumi sono in crescita Rallenta il potere di acquisto degli italiani, ma i consumi continuano a crescere nel 1° semestre dell’anno restando sopra il +1%. Crescono più a volume che a valore, e con meno promozioni. Non solo: dopo una lunga fase recessiva, le vendite registrano finalmente segnali incoraggianti anche al Sud dove peraltro si spende più che al Nord per la “tavola domestica”.

In forte ripresa sono i consumi alimentari (+2,9%) che spingono verso l’alto il fatturato totale della Gdo (+1,7%), grazie principalmente al boom delle vendite di frutta e verdura (+10,4%), bevande (+3,8%), gelati e surgelati (+5,4%). Vendite che sono aumentate soprattutto per effetto del meteo, e che si aggiungono ai dati positivi riportati dal pesce (+1,8%) e dal food confezionato (+1,1%). Per contro, continua la progressiva contrazione delle vendite non food (-5,6%), cura persona (-0,3%%) e cura casa (-1%).

Nel frattempo, il consumatore italiano continua ad evolvere, a cambiare le sue abitudini alimentari e il suo stile di vita, dimostrandosi più morigerato rispetto al passato (fuma, beve e ama di meno) e con una forte propensione verso tutto ciò che è spirituale (buddismo, yoga e vegan). Il “nuovo” consumatore dimostra inoltre di essere “padrone” di Internet e sempre più attratto dal benessere salutare come certifica ad esempio l’esplosione delle vendite di prodotti biologici (+40% vs il 39% degli spagnoli, il 38% dei tedeschi e il 33% dei francesi).

Non a caso, circa la metà della crescita dei volumi della Gdo deriva proprio da qui. Un trend che si corrobora anche per merito dell’impennata dei “cibi terapeutici”: superfood (avocado +78% e zenzero +72%), dieta sirt (mirtillo rosso +30% e grano saraceno (+23%) e prodotti assimilabili (barbabietola +47% e alghe marine +15%).

Si tratta di nuove tendenze che di fatto hanno contribuito a tenere a galla il valore nel carrello della spesa. “Il 2017 è l’anno della fine del ‘downgrading’: la maggioranza degli italiani si è ormai lasciata alla spalle il tempo delle rinunce alimentari e della caccia alle promozioni. E’ finalmente tornata la voglia di qualità e di sperimentazione”, osserva Marco Pedroni, presidente di Coop Italia, commentando a caldo il rapporto Coop 2017 presentato ieri a Milano, insieme a Stefano Bassi e Albino Russo, rispettivamente presidente e direttore di Ancc-Coop.

Un appuntamento annuale, quello della più importante insegna della Gdo, per fare il punto sull’evoluzione dell’Italia e degli italiani alla luce dei mutamenti intervenuti, i conseguenti cambiamenti nei comportamenti di spesa, l’andamento dei diversi segmenti di consumo e l’evoluzione del retail. “Gli elementi di ripresa dei consumi sono evidenti anche nella nostra rete di vendita: nei primi 6 mesi dell’anno miglioriamo nel segmento grocery (+1,2% a valore e +2,1% a volume) – aggiunge Pedroni -. Inoltre, di fronte a qualche risveglio di inflazione alimentare, continuiamo a frenare i prezzi di vendita e a difendere il potere di acquisto dei nostri soci e consumatori. Il delta inflattivo tra Coop e la media del mercato sfiora il -2%”.

Anche se Pedroni guarda il bicchiere mezzo pieno, il numero uno di Coop è però consapevole che le incertezze sul futuro persistono per effetto di una crescita “dopata” dell’inflazione e di un preoccupante aumento del prezzo delle materie prime. “Nel primo caso, l’inflazione sale per via dei costi e non per merito della domanda, nel secondo è sufficiente guardare quello che sta accadendo all’olio extra vergine per capire quanto la situazione sia insostenibile”.

In linea con i cambiamenti importanti nella composizione del carrello degli acquisti degli italiani, Coop ha deciso di accelerare la politica di diversificazione degli assortimenti nei segmenti “free from”, “rich-in”, vegan ed etico sostenibile. Con un occhio di riguardo ai prodotti Mdd: “Il primo prodotto a marchio Coop compirà 70 anni il prossimo anno – sottolinea Pedroni -. Ora, la nostra priorità è di sviluppare ulteriormente la private label per essere leader in questo segmento di mercato nei prossimi 5-10 anni. Non a caso, oltre 200 nuovi prodotti sono stati lanciati nel 2017 e ad altri 200 lo saranno nel 2018. Stiamo lanciando nuove linee, come Amici Speciali, Origine, Casa, Io, D’Osa, e continuando ad ampliare i contenuti di distintività valoriale, come l’impegno per superare l’olio di palma o per combattere l’illegalità nelle filiere ortofrutticole”.

Nel 2017, inoltre, continua la politica di rafforzamento della rete di vendita Coop con 10 nuove aperture e 90 ristrutturazioni importanti, con oltre 300 milioni di investimenti, con lo sviluppo dei distributori a marchio (31 stazioni con oltre 400 milioni di litri erogati) e con nuove iniziative imprenditoriali tra cui i negozi specializzati per animali (Amici di Casa), l’online Food (EasyCoop) e l’esperienza virtuale-fisico dei CoopDrive.

 

[via Repubblica]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su