GDO News
Nessun commento

Conad Tirreno, inaugurato il polo logistico più grande e innovativo del Centro Italia

conad montopoli

Si è conclusa la prima fase dello sviluppo della nuova piattaforma logistica di Conad del Tirreno a Montopoli: l’ampliamento su 1.800 mq di superficie e un’altezza di 28 metri danno forma e sostanza a un hub che a regime diventerà il più grande polo logistico del Centro Italia: un modello di efficienza a contenuto impatto ambientale.
La posa in opera di 150 pali di sostegno, una platea di 100 betoniere di calcestruzzo, molteplici tonnellate di scaffalature in acciaio e un’insegna luminosa di 6 metri di diametro hanno dato forma a un ampliamento moderno e funzionale. A dargli sostanza hanno provveduto nuove tecniche di preparazione integrate tra loro – automatiche, semiautomatiche e manuali – e armonizzate da un nuovo software specialistico, capace di veicolare oltre 40 milioni di colli all’anno: un “direttore d’orchestra” per la pianificazione, la schedulazione e il monitoraggio degli stati di avanzamento delle attività.

«Ottimizzazione dei costi, maggiore efficienza e efficacia nei confronti del mercato e un offerta ancora più distintiva e conveniente sono gli ambiziosi obiettivi, condivisi con i nostri soci imprenditori, per assicuraci un forte differenziale competitivo sul mercato», dichiara l’amministratore delegato di Conad del Tirreno Ugo Baldi. «L’obiettivo di supportare al meglio le nostre strategie e le nostre politiche commerciali necessita di un approccio moderno e innovativo alla logistica, con maggiori sinergie fra aziende produttrici, fornitori di tecnologia e sevizi logistici. Tutti gli interventi in programma sono realizzati prestando massima attenzione alla sostenibilità ambientale e produrranno anche importanti ricadute sul tessuto economico di Montopoli».

«La piattaforma di Montopoli, una volta a regime, consentirà di distribuire sulla rete di vendita oltre 65 milioni di colli all’anno, di cui 40 milioni di prodotti grocery e i restanti di prodotti freschissimi», afferma il direttore generale Conad del Tirreno Fiorella Bianchi. «Il progetto nasce dalla volontà di fare del polo una struttura di eccellenza della logistica, in cui si combina l’efficienza con la qualità rivolta al consumatore, espressa da prodotti sempre più freschi e controllati e da una profondità assortimentale che copre le esigenze dei punti di vendita dai 200 ai 5.000 mq. Questo primo intervento rappresenta un’estensione del 3,5 per cento della superficie dell’edificio esistente che permette, con la creazione di aree specialistiche di preparazione, un incremento di oltre il 30 per cento dei prodotti movimentati. Inoltre, la concentrazione dei flussi si traduce in sinergie sia di trasporto sia di movimentazione, con conseguente riduzione dell’impatto sull’ambiente: tema, quest’ultimo, di grande interesse per Conad».

Terminata la prima fase di intervento il piano prevede altri due momenti di sviluppo. Il primo di questi, che terminerà entro il 2018, comprende la realizzazione di un centro per la gestione degli imballaggi, la realizzazione di altri innovativi impianti per la gestione dei prodotti a temperatura controllata, unitamente all’urbanizzazione dell’area con la riorganizzazione dei parcheggi e della viabilità locale, che beneficerà della separazione dei flussi viari pubblici da quelli destinati in modo specifico alle attività del magazzino.
A seguire, entro il 2020, verrà ultimata la fase di riqualificazione dell’area industriale, con la creazione di servizi finalizzati ad agevolare ulteriormente la viabilità, di spazi di sosta e parcheggio per i mezzi pesanti e per i mezzi dei dipendenti, di aree verdi alberate. Sostanzialmente un prezioso progetto paesaggistico per ridurre l’impatto ambientale su una zona a vocazione industriale.

L’investimento complessivo destinato al nuovo polo logistico di Montopoli ammonta a oltre 20 milioni di euro.
La creazione di una vera e propria “cittadella” della logistica di Conad del Tirreno avrà riflessi positivi sul territorio anche dal punto di vista economico, sull’indotto e sull’occupazione. Con questi interventi Montopoli si avvia a diventare il quartier generale di un sistema logistico efficiente quanto innovativo in cui saranno occupate, a regime, oltre 500 persone.
Dal punto di vista ambientale, inoltre, la nuova strategia consentirà di eliminare i circa 3.500 viaggi con cui i mezzi pesanti ogni anno trasportano le merci tra i due centri di smistamento, con un taglio consistente di costi e di emissioni di CO2 in atmosfera.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su