GDO News
Nessun commento

Idee per fare export in maniera facile ed efficace: Alibaba (E-Commerce) punta sul Made in Italy

alibaba

Per Alibaba Group sono i numeri a parlare. Il colosso dell’eCommerce, fondato in Cina nel 1999 da Jack Ma, conta oggi 454 milioni di utenti attivi, di cui l’80% tra i 19 e i 30 anni. 12 milioni le aziende presenti in Cina sulle sue piattaforme e oltre un miliardo i prodotti in vendita ogni giorno, con il 79% delle transazioni effettuate attraverso dispositivi mobile. Un giro d’affari, per l’anno fiscale 2017, pari a 547 miliardi di dollari.

Sono oltre 150 gli store italiani presenti sulla piattaforme, B2C Tmall e Tmall Global, che vendono oltre 1.000 brand italiani.

50 di questi store sono stati aperti da ottobre 2015, ovvero da quando è stata inaugurata la sede italiana. A guidarla è Rodrigo Cipriani Foresio, Managing Director per tutto il Sud Europa (Italia, Spagna, Portogallo e Grecia) con alle spalle un’esperienza ventennale maturata nel Gruppo Mediaset. Il manager dirige il team di Alibaba Italia, che si rivolge ad aziende italiane convinte delle potenzialità dell’eCommerce e interessate a esportare i loro prodotti in Cina, aprendosi a un mercato di oltre 490 milioni di consumatori. Una scelta strategica dettata dalla consapevolezza che in Italia si trovano alcuni tra i produttori di eccellenza e i maggiori brand di tendenza ricercati dai consumatori cinesi, prodotti Made in Italy, riconosciuti tra i migliori al mondo specialmente per i segmenti food, fashion, design e arredamento.

alibaba1

“L’Italia è stato il primo Paese europeo in cui il Gruppo ha aperto una controllata, operativa dall’ottobre 2015?, dichiara Cipriani. “Il nostro compito è aiutare le aziende locali a entrare in contatto con i consumatori cinesi. L’obiettivo è creare una piattaforma globale nei prossimi 10 anni capace di arrivare a 2 miliardi di clienti in Cina, che rappresenta il nostro focus per il 95%, ed estenderci nel Sud Est Asiatico, perché in questa area la popolazione è costituita prevalentemente da millennials connessi su mobile”.

Alibaba non vende direttamente ma tramite un’infrastruttura tecnologica e di marketing, su cui basa un ecosistema di piattaforme digitali, ciascuna contraddistinta da specifiche peculiarità, che consente a piccole e medie imprese e grandi brand, di offrire prodotti, servizi e contenuti digitali in Cina. Fin dalla sua nascita Alibaba ha accompagnato milioni di piccole imprese cinesi nel loro percorso di crescita e, con questa esperienza consolidata alle spalle, oggi Alibaba rappresenta per le aziende di tutto il mondo una vera e propria porta di ingresso sul mercato cinese.

alibaba2

“Ogni brand che decide di aprire il proprio store sulla nostra piattaforma può farlo grazie a partner tecnici certificati Alibaba, che assistono i brand lungo un percorso strategico di medio lungo- termine, personalizzato in base alla categoria merceologica o alla tipologia di clienti per esempio. Sono soprattutto partner cinesi ma ci sono alcune strutture italiane come FiloBlu e Evlonet”, conclude Rodrigo Cipriani Foresio.

Il sistema Alibaba Group vede al centro Alibaba.com, la piattaforma B2B che permette di entrare in contatto con oltre 100 milioni di buyer in tutto il mondo. La struttura comprende i partner Tmall e Tmall Global, piattaforme B2C che permettono la vendita diretta dei prodotti ai consumatori cinesi. Per essere su Tmall bisogna avere la legal identity cinese. Dal 2014 è attivo Tmall Global che permette anche alle aziende senza la legal identity cinese e che non hanno presenza fisica in Cina di vendere online. Alibaba Group ha previsto anche: Alipay, il sistema di pagamento utilizzato da 450 milioni di cinesi; Aliexpress, marketplace retail internazionale da venditori cinesi ad acquirenti nel resto del mondo; Cainiao, piattaforma dati per la logistica; Alibaba Cloud, piattaforma di cloud computing e data management; Alimama.com, piattaforma di servizi di marketing.

 

Testo tratto da Ecommerce Monitor.it

Grafici Statista.com

 

Tagged with: ,

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su