GDO News
Nessun commento

In GDO molti Ce.Di con merce oramai invendibile, soprattutto nella detergenza e Non Food. Ecco la soluzione!

barter

Creare un dialogo con i consumatori oggi è la sfida della Gdo. Risulta fondamentale capire e soddisfare i bisogni dei clienti, comunicando i valori dell’insegna in modo sempre innovativo e continuativo. Ogni insegna ha il grande obiettivo di informare il consumatore sia sulla convenienza dei propri prezzi che, soprattutto oggi, sugli altri fattori che qualificano qualitativamente il servizio, dall’assortimento alla shopping experience nel punto vendita. Allo stesso tempo garantire ai propri clienti un corretto quantitativo di merce a scaffale con una buona rotazione di prodotti, ottimizzando la logistica, risulta fondamentale.
Oggi esiste un metodo che permette di ottimizzare contemporaneamente le vendite e migliorare la visibilità della propria insegna: il cambio merce pubblicitario. In Italia Gruppo Next è una delle società più importanti specializzate nell’advertising barter. Il cambio merce è un sistema semplice. Il cliente cede dei prodotti- invenduti, a bassa rotazione, in eccedenza o con shelf life corta,- in cambio di spazi pubblicitari di pari valore. Gruppo Next ricolloca gli articoli acquistati su canali alternativi
Le insegne potranno, così, ottimizzare la logistica e il magazzino, in quanto potranno vendere tutta la merce presente , migliorando sia la rotazione dei prodotti che la notorietà della marca grazie agli spazi pubblicitari ricevuti in cambio.
Gruppo Next acquista e pianifica ogni mezzo a livello locale e nazionale, dalla stampa alla radio alla televisione. Inoltre offre servizi dedicati- quali volantinaggio- e progetti speciali, ritagliati su misura. Il cliente è seguito da un team in ogni fase pronto a soddisfare i bisogni espressi .

 

Per informazioni:
Gruppo Next- I professioni del cambio merce
http://www.pubblicitaincambiomerce.it/
T: +39 02 45478600
info@medianext.info

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su