GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
3 Commenti

TuoDì in vendita. Aldi (tanto per cambiare) sarebbe tra i papabili acquirenti

tuo insegna

Sfumata la prospettiva di pareggio del bilancio dopo il turnaround avviato nel 2014, la catena controllata da Gruppo Tuo dell’imprenditore capitolino Antonino Faranda viene messa all’asta dai soci. Il gruppo, che comprende anche oltre 300 punti vendita Dico, è presente in Italia da oltre 20 anni e conta 400 supermercati in quasi tutte le regioni, per 1,3 milioni di clienti serviti settimanalmente, ma dal 2013 ha un bilancio in rosso. Il toto acquisto, secondo rumors attendibili, vede come favorito il colosso tedesco Aldi, che potrebbe così dare il là ufficiale all’espansione in Italia. Sembra però che siano interessati all’acquisizione di TuoDì anche i fondi Oxy Capital e Attestor Capital e (forse) Eurospin.

La catena di supermercati TuoDì è in vendita, lo rivelato Debtwire, specialista delle informazioni finanziarie relative alle situazioni debitorie, precisando che la catena italiana di discount, diffusa in quasi tutte le regioni d’Italia, ha affidato all’advisor Rotschild il compito di trovare un acquirente. I rumors sarebbero fondati, secondo MF-Milano Finanza, che in un articolo uscito sul quotidiano cartaceo il 10 marzo scorso e poi sul web fa riferimento a “fonti industriali”.

L’hanno messa all’asta i soci del Gruppo Tuo capitanati dal presidente e Ad Antonino Faranda, dopo il fallimento del turnaround avviato nel 2014 (quando il gruppo già registrava una perdita di 47,48 milioni, a sua volta sommata al rosso di 33,7 milioni del 2013) e che doveva portare al pareggio di bilancio proprio quest’anno. Il gruppo guidato dall’imprenditore romano nel 2013 aveva compiuto un importante investimento rilevando da Coop oltre 300 discount Dico. Il fatturato di TuoDì ad oggi è di tutto rispetto, avendo raggiunto ben 600 milioni di euro: ma dopo che anche il 2016 si è chiuso in rosso, con una perdita di 10 milioni, l’indebitamento totale ha superato la metà del giro d’affari, attestandosi a 350 milioni, di cui la metà circa verso istituti di credito.

A guardare con primario interesse a TuoDì, secondo MF-Milano Finanza, sarebbe il colosso tedesco della Gdo Aldi, che più di un anno fa ha aperto una filiale italiana nel veronese e sta cercando terreni e immobili in bacini d’utenza con più di 30 mila abitanti nel Centro Nord (leggi qui). Sta anche procedendo a passo spedito per il completamento del maxi magazzino a Oppeano, come mostra la nostra foto aerea esclusiva (leggi qui).

Ora con il processo di valorizzazione di TuoDì potrebbe avere individuato il target ideale per coprire a macchia d’olio il territorio nazionale, visto che la catena di Faranda conta più di 400 punti di vendita in quasi tutto il Paese, un centinaio dei quali già riqualificati tra il 2014 e il 2015 dall’attuale gestione.

Con l’annuncio della messa all’asta del gruppo si è scatenato il toto acquisto, che darebbe come favorita la tedesca Aldi, appunto, ma anche i fondi Oxy Capital e Attestor Capital, gli stessi che sono attualmente in prima fila per il salvataggio di Mercatone Uno. Sembrerebbe infine interessato a questo processo anche il gruppo italiano Eurospin, che ad oggi fattura 4,4 miliardi.

 

[via fruitbookmagazine]

3 COMMENTI
  1. giulio

    Sbaglio oppure i tedeschi non vogliono affiliati?

  2. Lorenzo

    Complimenti! Prima la coop “liquida” alla meno peggio Dico, mettendo sulla strada centinaia di famiglie. Poi Faranda, attuando un piano di ristrutturazione folle (a parte la chiusura di punti vendita aperti politicamente da coop) si imbarca in un operazione più grande di lui. Cosa abbiamo ottenuto? Magazzino di Stradella chiuso, altre persone a casa, negozi in vendita….. Beh si c’è la ripresa, va tutto bene….

  3. Lorenzo

    Beh, era chiaro che la vendita dei Dico da parte di Coop al gruppo Tuodì era solamente un’operazione di facciata

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su