GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

Novità Gruppo Sant’Anna di Vinadio: SanThé Zero, il primo the freddo senza zuccheri aggiunti

LOGO SANTHE new

Il Gruppo Sant’Anna di Vinadio – leader dell’acqua minerale e secondo player del the freddo prodotto per infusione con il marchio SanThé – dopo un grande investimento in ricerca e sviluppo, ha messo a punto una ricetta che risponde all’esigenza del consumatore moderno, che ha sempre più sete di bevande naturali, meno caloriche e con meno zuccheri. Una tendenza, questa, che sta investendo il mercato a livello globale, soprattutto dopo la recente raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di limitare il consumo di zuccheri a meno del 10% delle calorie totali giornaliere, al fine di ridurre le calorie giornaliere introdotte e contrastare la diffusione di patologie come obesità e carie.

Dal 2012 l’azienda di Vinadio ha puntato infatti sulla diversificazione, affiancando alla produzione di acqua minerale anche una gamma di the freddo che ha debuttato sul mercato con i gusti classici (limone, pesca, the verde e deteinato) e si è ampliata l’anno scorso con una linea benessere arricchita da ingredienti funzionali come Melograno, Litchis, Mandarino, Mirtillo, Ananas e Limone-Zenzero. Oggi la gamma si arricchisce con il nuovo SanThé Zero, che arriverà a scaffale dal prossimo aprile ed è la prima di una serie di novità programmate dall’azienda per il 2017. Nell’ultimo anno il settore R&D dell’azienda di Vinadio è stato molto impegnato su una graduale riduzione degli zuccheri nelle referenze della gamma SanThé “e da tempo ci eravamo posti l’obiettivo ambizioso di arrivare ad ottenere un prodotto zero zuccheri, in grado di soddisfare anche l’esigenza di gusto”, spiega l’AD Alberto Bertone. “Siamo riusciti a produrre in asettico un prodotto composto da solo the nero e succo di pesca, senza zuccheri né sostituti dello zucchero. Siamo orgogliosi di introdurre per primi sul mercato questa innovazione.”

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su