GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

GDONews ed il 2017: ecco come riveleremo i dati delle aziende che non vorrebbero si conoscessero

GDONEWS ALTA

Il prossimo sarà il dodicesimo anno di età di GDONews. Quando iniziammo, nel 2005, molti manager del mondo Retail ci chiedevano la possibilità dell’invio dell’edizione appena pubblicata (che era quindicinale) in pdf perché non era possibile utilizzare il web in ufficio.

Oggi il web, dopo dodici anni, è il principale strumento di lavoro per tutti i manager ed in generale per tutto il mercato.

Ci sentiamo gratificati di avere tra i nostri abbonati praticamente tutte le catene della GDO, e non è un caso se proprio la sponda del Retail è la più interessata ai nostri articoli. I contenuti di GDONews sono spesso molto tecnici ed ad uso e consumo degli addetti ai lavori del segmento Mass Market Retail.

Oggi il panorama della comunicazione web specializzata in Grande Distribuzione è vasto e di sicuro interesse.

Tutti quelli che affrontano l’argomento lo fanno con un loro stile che, casi della vita e fortune della vita, si differenzia uno dall’altro.

GDONews da tre anni è molto attivo sui social network ed il 2016 è l’anno in cui, per la prima volta, gli accessi provenienti dalla newsletter sono stati superati dagli accessi provenienti dai social network.

Ovviamente nessuna delle due fonti ha potuto avvicinarsi alla regina delle fonti: il traffico proveniente da Google.

Google, negli ultimi sei mesi, è stato tracciato dai nostri sistemi di misurazione ben 600 volte. In 180 giorni ben 600 volte è passata nei dintorni di GDONews ed ha aggiornato le indicizzazioni. Grazie a questo nostro straordinario partner ogni parola che scriviamo al principio dell’articolo viene indicizzata in 24 ore e facilmente trovata dal “navigante nel web” per recuperare notizie. Questa è e sarà la forza vera di GDONews.

Il 2017, però, avrà nuovissimi contenuti

Abbiamo intenzione di analizzare nel dettaglio diverse categorie merceologiche molto importanti. Lo faremo con analisi di vendite ma daremo un occhio alle aziende che popolano i vari mercati. Chi deve scegliere e costruire le categorie lo deve fare conoscendo i vari mercati più possibile.

Non solo le vendite, ma anche le nuove proposte del mercato e una analisi più dettagliata: un benchmark dei Bilanci delle aziende che si affrontano direttamente sul mercato. Oggi, in un mercato saturo, dove i numeri positivi sono virtù dei “bravi” è necessario dare una tracciatura ai mercati dal lato più oscuro: quello dei guadagni e dei costi.

Ogni categoria ha storici concorrenti e questi verranno messi a confronto anche sotto il profilo economico finanziario, oltrechè di prestazione.

E’ giusto che ci lavora in una determinata azienda conosca la propria concorrenza in profondità, è giusto che la si confronti alla propria, è giusto che il category manager abbia contezza di ciò che c’è dietro ai cataloghi, alle idee ed ai denari che vengono offerti in sede di trattativa.

Entrare dentro le categorie significa entrare dentro le aziende, e questo farà GDONews.

Abbiamo sempre analizzato il retailer, da domani analizzeremo anche l’industria.

I nostri studi verranno pubblicati on line ma soprattutto nei nostri social networks. Tutti voi, dal proprio Tablet, dal vostro smartphone, in metropolitana, in treno, in spiaggia o in montagna, potrete leggere, curiosare, comprendere un po’ di più il mondo professionale che vi circonda, e noi saremo lieti di raccontarvelo.

Da tutti noi della Redazione di GDONews, non ci resta che augurarvi un sereno Natale ed un prospero anno 2017. Noi continueremo a lavorare per Voi.

Dati dell'autore:
Ha scritto 715 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su