GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it

Dati Nielsen settembre: ecco le categorie che crescono. dati e grafici delle vendite

vendite-mensili

Ogni mese GDONews riserva ai suoi abbonati una profonda analisi relativa agli andamenti di fatturato della Grande Distribuzione. E’ una guida operativa per chi vuole studiare questo mercato oppure per chi vi opera (come manager della Distribuzione e dell’industria). L’analisi presenta i grafici (visibili solo dagli abbonati) dei dati ufficiali pubblicati da Nielsen relativi all’andamento del mercato nel mese di settembre 2016. In questa terza parte proseguiremo l’analisi con l’andamento dei comparti merceologici per format, area geografica e per totale grocery.Le analisi sono a disposizione degli abbonati a GDONews. Se sei un fornitore della Grande Distribuzione scrivi subito a clienti@gdonews.it oppure telefona allo 02.006.444.15 e scopri come ottenere un forte sconto e leggere i dati di mercato e scopri come accedere ad una promozione su misura 

 

Il trend del totale grocery per canali a rete corrente
Il Grocery Italia si mantiene (per poco) positivo anche a settembre, sia a valore che a volumi. I volumi (+1,3%) crescono di più del valore (+0,4%) ed evidenziano una crescita ottenuta spingendo sulla quantità.
Nel mese di settembre, in generale, si confermano tutte le situazioni viste ad agosto ma con una performance più debole. Nel dettaglio, il canale più performante resta il Discount (+7,5% a valore e +9,4% a volumi), seguito dal Tradizionale (+4,7% a valore e +3,7% a volume) -che continua con una strategia più orientata sul prezzo e servizio- e gli Specialisti Drug (+1,0% a valore e 2,6% a volume).
Crescono di pochissimo gli I+S 400-4499 con un +0,2% a valore e +0,5% a volume; il mese scorso erano a 0,0% sia a valore che a volume e quindi il dato di settembre va letto come migliorativo.
I Grandi Iper, seppure in negativo, con -2,5% a valore e -2,2% a volume migliorano entrambi i dati rispetto ad agosto. Il Libero Servizio con il -4,8% a valore e -4,0% a volumi resta sostanzialmente sulle posizioni di agosto e si conferma il Canale a più lento recupero.
I dati tra progressivo e puntuale mese ci restituiscono tre Canali da tenere sotto osservazione:
Specialisti Drug hanno un tendenziale positivo al +3,2% sia a valore che a volume ma in forte contrazione;
Libero Servizio ha un tendenziale al -3,9% a valore e -3,3% a volume, in peggioramento;
I+S 400-4499 segnano un tendenziale al +0,6% a valore e +0,7% a volume, stabile ma molto basso per il loro potenziale.
Tutti gli altri Canali stanno migliorando il loro tendenziale in virtù di risultati mensili ottenuti.
E’ evidente che se pesiamo i risultati in funzione della quota per singolo Canale, sono gli I+S 400-4499 (con il loro 52%) a creare maggiori problemi quando poi si va al totale Italia. Devono essere loro a rimettere in moto la macchina entro fine anno. Vedremo insieme i dati dal prossimo mese.
Segnalo, in ultimo, il crescente divario tra la quota dei Discount e quella del Libero Servizio: era +1,3pp ad agosto, sale a +1,4pp in settembre.

 

 

Il trend del totale grocery per la Distribuzione Moderna a rete corrente
Come visto, a settembre c’è stato un ulteriore piccolo recupero sia dei Grandi Iper (-2,5% a valore contro il -2,8% di agosto) che del Libero Servizio (-4,8% a valore contro il -5,2% di agosto).

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Tagged with:
Dati dell'autore:
Ha scritto 47 articoli
Federico Cimini

Da 20 anni nel mondo della Distribuzione, prima come manager con il leader mondiale del Cash&Carry poi come Direttore Marketing nei canali Supermercati, Iperstore e Ipermercati. E’ esperto in category management ed attualmente è Consulente direzionale, in particolare segue la progettazione e realizzazione di piani marketing e vendite, soprattutto start up, turnaround aziendali e lanci di nuovi prodotti e servizi. Inoltre è formatore nell’area Store Management e Comunicazione per primarie società della GD italiana. Chi volesse comunicare con lui può scrivere a cimini@gdonews.it

ARTICOLI CORRELATI

Torna su