GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

Quanto guadagna Carrefour dai supermercati aperti 24 ore su 24

Carrefour_market

Lo scorso gennaio erano 93 le insegne dei supermercati Carrefour accese 24 ore su 24. A fine ottobre il numero è raddoppiato: 175. Dal primo negozio, quello di piazza Clotilde a Milano, che ha inaugurato i Carrefour h24, la sperimentazione si è allargata a macchia d’olio. Dalle metropoli alla provincia, dalle zone industriali alle località di vacanza.

Stando a dati interni all’azienda, l’apertura continua ha fatto aumentare le vendite dei supermercati coinvolti nel test tra il 9% e il 12% a Milano e anche del 15%-16% in alcuni negozi in periferia. E più in generale la strategia di Carrefour, che non è basata sul solo h24 ma anche su nuove offerte commerciali, come lo sportello per contattare artigiani (come idraulici, elettricisti o muratori), e servizi ai clienti, ha sostenuto nei primi nove mesi dell’anno una crescita del fatturato a perimetro omogeneo del 2,2% rispetto allo stesso periodo del 2015.

L’apertura 24 ore su 24 è una mossa che rimesso in discussione un mercato, come quello italiano, dove le politiche sugli orari dei super erano ferme da anni.

Carrefour avanzata l’argomentazione che la strategia risponde a un’esigenza del mercato. Di clienti che lavorano di notte e trovano utile poter fare acquisti a tutte le ore, di famiglie che hanno bandito il rito della spesa settimanale dal weekend e lo riprogrammano su orari più flessibili e, più in generale, di un avvicinamento degli italiani alle abitudini di altri Paesi del mondo.

“Se il modello h24 continua è perché c’è un riscontro positivo”, è il commento dell’azienda.

“Le abitudini degli italiani stanno cambiando – osservano da Federdistribuzione, l’associazione di categoria -. Prendiamo il pane, ad esempio. Una volta si comprava sempre al mattino. Oggi sempre più gente lo acquista di sera, al rientro dal lavoro”.

Il numero dei negozi aperti h24 non è fisso. Quest’estate, ad esempio, Carrefour ha applicato la sperimentazione a supermercati nelle località di vacanza, ma terminata la stagione, è tornata agli orari classici. Nel complesso, i 175 punti vendita a orario continuato sono poco meno della metà delle 409 insegne che la catena possiede lungo lo Stivale.

Finora, però, i dati di Carrefour sono rimasti sottochiave. Top secret, specie per tutelarsi dalle contromosse delle catene concorrenti, che stanno iniziando a misurare aperture prolungate. Come Unes, che si sta cimentando con l’orario prolungato fino a mezzanotte, o Esselunga, che ha esteso l’attività sia al mattino sia la sera.

La politica h24 è finita anche al centro di una trattativa con i sindacati. Cgil, Cisl e Uil da tempo premono per avere i dati di vendita e di impiego del personale. Per ora sono arrivati i primi, in formato percentuale: incrementi dal 9% al 12%. “Non c’è il flusso di clienti della giornata, ma una quantità sufficiente perché questo modello regga – è la versione ufficiale di Carrefour Italia -. Gli scontrini tengono in pareggio le strutture”.

A Milano e provincia, epicentro del test di Carrefour, i supermercati h24 sono 28 ma entro la fine di gennaio 2017 potrebbero salire a 35. In genere, la sperimentazione si applica a quelle che in gergo tecnico si definiscono le superette, ossia i negozi di taglia media. E c’è un motivo: sono supermercati che offrono un assortimento appetibile per la clientela e, allo stesso tempo, possono essere gestiti da personale a ranghi ridotti.

Il rapporto di equilibrio tra costi e ricavi, d’altronde, è anche il risultato di uno staff nettamente inferiore a quello che opera durante il giorno. In genere ci sono uno o due cassieri, una guardia giurata e un addetto al rifornimento degli scaffali, che prepara anche il negozio per il giorno dopo. Proprio la gestione del personale è uno dei punti cruciali della trattativa Cgil, Cisl e Uil e a dicembre è già stato fissato un nuovo incontro con tra l’azienda e le segreterie milanesi.

L’azienda spiega che “l’adesione ai turni di notte è su base volontaria”, e che in casi di bassa partecipazione o di lancio di un nuovo negozio, “si fa ricorso a lavoratori in somministrazione”, ossia distaccati dalle agenzie interinali. Alle cooperative, invece, è affidata la logistica.

“A noi interessa approfondire il tema della sicurezza sul posto di lavoro e sulle misure adottate dall’azienda – spiega Stefano Galli, componente della segreteria di Fisascat Cisl Milano e metropoli con delega alla grande distribuzione -. Sappiamo di negozi dotati di citofono, in cui i dipendenti aprono le porte solo su richiesta del cliente. Poi vogliamo capire come è organizzata la turnazione, tra full time e part-time. E infine vogliamo sapere quando si tirano le fila della sperimentazione. Io penso che ci vorrà ancora un anno per valutare i risultati”.

“Come sindacati chiediamo una stabilizzazione dei lavoratori, che sia occupazionale e dal punto di vista della sicurezza – incalza Samuele Gatto, della segreteria Filcams Cgil Milano -. Creare occasioni di assunzione e prevedere dei percorsi, per far sì che chi lavora di notte possa anche spostarsi su altri turni”.

[via Wired]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su