GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

Il fatturato della Gdo torna a scendere (-0,24%) nella terza settimana di ottobre

VENDITE-SETTIMANALI

Dal 17 al 23 ottobre le vendite sono diminuite dopo due letture consecutive positive. A pesare è stato tutto il Settentrione, mentre il Centro e il Sud sono cresciuti.

Il fatturato della Gdo torna a scendere (-0,24%) Alla terza lettura le vendite della distribuzione moderna sono tornate a scendere. La buona notizia è che il calo è stato molto contenuto (-0,24%), così come lo erano stati i rialzi precedenti. E, tenuto conto dei forti ribassi che si erano registrati fino a poco meno di un mese fa, si tratta senza dubbio di un miglioramento. Il rosso da inizio anno resta comunque molto ampio: a poco più di due mesi dalla fine del 2016 è dell’1,39%.

Nei sette giorni in esame a pesare sul risultato finale è stato tutto il Settentrione – il Nord-ovest ha perso lo 0,53% e il Nord-est lo 0,49% – mentre il Centro e il Sud possono vantare un andamento positivo, avendo guadagnato rispettivamente lo 0,17% e lo 0,28%. Non va però dimenticato che nella rilevazione precedente erano state le due macro-aree peggiori. Nel progressivo di ottobre solo il Sud è in perdita (-0,12%), mentre i progressi delle altre tre macro-aree vanno dal +0,08% del Centro al +0,33% del Nord-ovest, passando per il +0,18% del Nord-est. Le chance di interrompere la serie negativa mensile che dura da agosto restano dunque intatte: ottobre è ancora in terreno positivo per lo 0,18%.

3settott

Il bilancio dall’inizio dell’anno resta invece pesantissimo per tutto lo Stivale. Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia limitano i danni a -1,13%, seguite da Emilia Romagna, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia che lasciano sul terreno l’1,26%. Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria e Lombardia devono invece fare i conti con un rosso dell’1,36%, mentre Toscana, Marche, Umbria, Lazio e Sardegna arrivano addirittura a -1,67%.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su