GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

Settembre chiude male per la GDO: consumi bloccati

VENDITE-SETTIMANALI

Nuova doccia gelata per il fatturato della Gdo che nell’ultimo mese ha fatto registrare un’accelerazione al ribasso. Nella settimana dal 26 settembre al 2 ottobre, che statisticamente chiude il mese di settembre, il calo delle vendite è stato nell’ordine del 3,58%, con il rosso da inizio anno che è così salito all’1,51%. Il mese invece si è chiuso con una vera e propria debacle: -2,10%. Per trovare un lettura positiva bisogna tornare indietro fino ad aprile; va però anche detto che in nessuno dei quattro mesi successivi si era mai superata la soglia dei due punti percentuali, cosa che invece è avvenuta a settembre.

In particolar modo sorprende la divergenza che sta emergendo fra l’andamento della Gdo e quello dell’economia italiana; mentre la seconda manda timidissimi segnali di ripresa, o quanto meno di stabilizzazione, la prima registra un aggravarsi della crisi. La spiegazione di divergenza la fornisce Francesco Pugliese, amministratore delegato di Conad, secondo il quale “qualcosa si sta muovendo per le aziende ma non per le famiglie; c’è un po’ di export ma per il resto il Paese è fermo”. “I consumi privati soffrono due fattori, la disoccupazione e l’incertezza – spiega il manager della catena di supermarcati – Chi non ha un lavoro non ha soldi da spendere, chi invece li ha preferisce tenerli in banca per il timore che la situazione possa peggiorare. Ormai stiamo registrando reazioni umorali nelle decisioni di spesa; il futuro fa paura e questo blocca i consumatori”.

set4

Secondo l’analisi di Pugliese, i cittadini sono disorientati dalla situazione politica e in particolar modo dal referendum; altre preoccupazioni arrivano dal fronte bancario, con il salvataggio di Mps e l’aumento di capitale di Unicredit. “Se il sì vincerà e il governo resterà in sella, potremmo assistere e una piccola ripresa sotto Natale – afferma il numero uno di Conad – In caso contrario prepariamoci a vendite drammatiche sotto la festività”.
Nei sette giorni in esame, i dati raccolti da Nielsen evidenziano che tutte e quattro le macro-aree hanno sofferto perdite superiori ai tre punti percentuali, con il Sud che ha sfondato la soglia dei quattro. Nel dettaglio il Nord-ovest ha lasciato sul terreno il 3,76% rispetto a dodici mesi prima e il Nord-est il 3,48%; il Centro si è fermato al 3,13%, restando comunque la macro-area con la peggiore performance dall’inizio dell’anno (-1,81%%), mentre il Sud ha perso il 4,13%, andamento che non gli ha però impedito di continuare a guidare la classifica dal 1 gennaio (-1,21%).

 

[via repubblica]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su