GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

ALDI cerca ufficialmente terreni e immobili in Italia: dopo tanti rumor una realtà

aldi_logo_4

Il gruppo tedesco del discount Aldi sbarca, dopo anni di rumor, in Italia. La società Aldi srl (controllata dalla austriaca Robiro), con sede legale a Bolzano e operativa a Verona, ha pubblicato sul suo sito l’annuncio di ricerca di immobili o terreni edificabili nel Centro-nord, fino alla Toscana ed escluse le Marche.
Il portale sollecita all’invio di proposte riguardanti «immobili (terreni/edifici) a destinazione commerciale, o trasformabili in commerciale, in Comuni con almeno 30mila abitanti». I terreni non ancora edificati devono essere di almeno 5mila mq con la possibilità di realizzare una superficie coperta di 1.800 mq e una di vendita di 1.500; mentre gli edifici esistenti devono garantire mille mq di superficie di vendita e altri 300 di deposito merce.

aldi mappa

Più chiaro di così. In questi giorni la Aldi srl ha approvato il bilancio 2015: la società ha un capitale di soli 10mila euro, ma beneficia di un versamento in conto futuro aumento di capitale di 7,1 milioni. Ovviamente la società non ha ricavi ma solo spese: 220mila euro per servizi e 74mila euro per il personale. Alla fine la perdita prima delle imposte è di 304mila euro.
Secondo alcuni osservatori Aldi è in grave ritardo e sbarca in Italia quando la penetrazione dell’hard discount è ancora contenuta (16% delle vendite), ma i tre big hanno occupato i punti strategici: Eurospin fattura 4,1 miliardi con mille negozi, Lidl Italia 3 miliardi con 600 ed Ld-Md 2 miliardi con 725. Certo Aldi ha le spalle larghissime: conta su 58 miliardi di fatturato e 7mila negozi nel mondo (specie negli Usa). Ma l’Italia è un pianeta particolare. A meno che Aldi non voglia scatenare una guerra dei prezzi.

[Via IlSole24Ore]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su