GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it

Tascom Tax: la tassa che fa male alla GDO francese. E se arrivasse da noi?

tasse

Scorrendo i dati di bilancio dei retailer francesi, nelle note di bilancio, si trovano molti riferimenti alla “Tascom Tax” (tax sur les surfaces commerciales – Tassa sulle superfici commerciali).
Magari già la conoscete ma, in caso contrario, ve ne parlo perché è materia già presente nei bilanci francesi dal 2009 ma che nel 2015 è stata ulteriormente aumentata del 50%, per determinate superfici, producendo reazioni pesanti nella GDO d’Oltralpe, e che speriamo non venga mai in mente a nessun altro governo di copiare.
La modifica della Tascom è stata ratificata ad inizio 2015 e quindi quest’anno è il primo esercizio con i bilanci aggiornati.

Di cosa si tratta:

La Tascom è una tassa dovuta da tutti i negozi con una superficie al dettaglio (sono escluse le aree di stoccaggio e non proprie di vendita) superiore ai 400m2 e con un fatturato (netto IVA) superiore ai 460.000€. Sono ammissibili deduzioni dal risultato fiscale.
Poiché questa tassa nasce con il preciso scopo di tutelare i piccoli commercianti storici (principalmente quelli dei Centri cittadini), sono esclusi dal pagare oneri tutte le attività aperte prima del 1960 e che non rientrano nelle due fattispecie sopra indicate.
Sono ugualmente esenti le strutture di produzione, che vendono servizi, temporanee o all’ingrosso (a meno che quest’ultime non vendano a consumatori finali nel qual caso sarebbero ugualmente assoggettate alla tassa).

Come si calcola la tassa:

L’importo lordo è calcolato moltiplicando una determinata tariffa (v. tabella 1) alla superficie totale di vendita al dettaglio; questa tariffa è in funzione del fatturato netto per m2 espresso dal singolo punto vendita.

Tabella 1

Queste le maggiorazioni:

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Dati dell'autore:
Ha scritto 51 articoli
Federico Cimini

Da 20 anni nel mondo della Distribuzione, prima come manager con il leader mondiale del Cash&Carry poi come Direttore Marketing nei canali Supermercati, Iperstore e Ipermercati. E’ esperto in category management ed attualmente è Consulente direzionale, in particolare segue la progettazione e realizzazione di piani marketing e vendite, soprattutto start up, turnaround aziendali e lanci di nuovi prodotti e servizi. Inoltre è formatore nell’area Store Management e Comunicazione per primarie società della GD italiana. Chi volesse comunicare con lui può scrivere a cimini@gdonews.it

ARTICOLI CORRELATI

Torna su