GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

Il Dettaglio Alimentare ha due nuovi vicepresidenti

fida-logo-1

Mercoledì 30 marzo, in occasione del Consiglio federale, Samuele Tognaccioli e Riccardo Guerci sono stati nominati Vicepresidenti FIDA, Federazione Italiana Dettaglianti dell’Alimentazione di Confcommercio – Imprese per l’Italia, e affiancano così l’altro Vicepresidente, Livio Bresciani, già nominato nei mesi scorsi.

«Il Consiglio di ieri –spiega il Presidente FIDA Donatella Prampolini Manzini– è il primo appuntamento dopo la Convention nazionale del 6 e 7 marzo, durante la quale sono state tracciate le linee programmatiche della Federazione. È stata l’occasione di ritrovare l’orgoglio per la categoria che non si sente un oggetto del passato ma anzi ritiene di essere l’innovazione che può dare ancora un senso ai negozi di vicinato, rendendoli appetibili anche per le nuove generazioni».

Samuele Tognaccioli gestisce quattro punti vendita alimentari e un magazzino all’ingrosso tutti nella zona di Città di Castello in provincia di Perugia. E’ presidente FIDA della provincia di Perugia e responsabile nazionale FIDA per il Settore Dettaglio alimentare. «Sono orgoglioso di questo incarico –dice Samuele Tognaccioli- ma ne sento anche la forte responsabilità in un momento in cui la distribuzione alimentare ha di fronte molte sfide, da affrontare riaffermando i propri valori fondanti, vale a dire qualità e servizio».

Riccardo Guerci è imprenditore nel settore alimentare ad Antrodoco, in provincia di Rieti, dove gestisce una pescheria-gastronomia con somministrazione. E’ presidente provinciale FIDA e responsabile nazionale FIDA per il Settore Pescherie. «C’è l’orgoglio di far parte di FIDA e di questa squadra –commenta Riccardo Guerci- e la consapevolezza che per questi cinque anni dovremo lavorare tanto. Il nostro obiettivo è raggiungere più associati possibile e dar loro più servizi. Non per niente abbiamo messo in campo dei partner importanti come Toshiba, Philips, Isa e Università dei Sapori. Testa bassa e lavorare».

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su