GDO News
3 Commenti

Aldi in Italia: Cedi in Friuli, uffici a Verona e trattative per acquisizioni. Ecco le ultime notizie

aldi hofer

La storia di Aldi in Italia si gonfia sempre di più e rischia di esplodere ancor prima di veder aperto un suo punto di vendita. In Germania, terra di presuntuosi e falsi efficienti, gli analisti del retail sono incuriositi dalla nuova sfida che si apprestano ad ingaggiare i due colossi del mondo Discount. Secondo la rivista Lebensmittel Zeitung, confermato anche da voci di persone locali del territorio di Tolmezzo nel mondo bancario, Aldi starebbe negoziando per l’acquisto del Cedi delle CoopCa di Amaro, che come si sa è in procedura concordataria.

Aldi Sud, attraverso la controllata austriaca Hofer, ha già aperto la sua sede italiana a Verona e già da tempo sta effettuando selezioni del personale. Molti buyer del canale discount si sono già presentati ed effettuato colloqui. Alcune figre sono già state individuate, soprattutto in quelle di vertice, e da Dicembre pare vi sia stata una netta accelerazione per la chiusura delle selezioni.

Dalla Germania si interrogano circa i metodi con sui Aldi intenderà aprirsi il mercato in Italia, ovvero se intende ripartire da zero, sapendo che Lidl ha già costruito un impero consistente  in 570 negozi e un fatturato annuo stimato lo scorso anno di € 3,6 miliardi di euro.

Il fenomeno Lidl è studiato attentamente da Aldi, che già al principio degli anni ’90 abbandonò l’idea di un posizionamento nel nostro Paese per problematiche legate alla “chiarezza delle regole”, infatti secondo loro c’era eccessive difficoltà legate alla legislazione territoriale.

Di fatto Lidl queste paure non le ha avute ed ha seccamente smentito gli intimoriti avversari se è vero, com’è vero, che a parte aver aperto quasi 600 negozi, negli ultimi 5 anni è cresciuto mediamente del 7% all’anno.

Tale crescita ha portato l’azienda tedesca, vestita (somiglia più ad una maschera di carnevale) da supermercato italiano, a dichiarare di voler effettuare investimenti per circa 1 miliardo di euro dal 2016 al 2020.

Secondo gli spocchiosi tedeschi da un confronto di produttività delle vendite, emergerebbe che Lidl sarebbe quasi due volte più efficiente del numero due del mercato italiano Eurospin.

Cari tedeschi intanto il numero 1 è Eurospin ed il numero 2 è Lidl, poi la lettura dei Bilanci non è una opinione, sono numeri, e se compraste le pubblicazioni del nostro analista dott. Giuseppe Di Napoli, vi accorgereste che così non è, anzì è esattamente il contrario.

La rivista tedesca, in questo articolo a cui stiamo facendo riferimento, esprime la qualità di Lidl su Eurospin, citando un altro dato che può davvero dare una chiara sensazione della potenza di Lidl contro “l’incapace” Eurospin: infatti pensate, cari lettori, che su Facebook, secondo la rivista tedesca, Lidl vanta ben 1,4 milioni di like mentre Eurospin, con il doppio dei punti di vendita (perlomeno questo lo ammettono) non arriva a 71 mila like.

Avvertite subito i manager di Eurospin, dopo questa notizia il fallimento è vicino.

Insomma, nel delirio della rivista Lebensmittel Zeitung, talvolta si affacciano riflessioni più aderenti alla realtà. Si ricorda che Aldi ha sempre preferito una crescita organica rispetto alle acquisizioni, pur non disdegnando queste ultime (eclatante fu per esempio l’entrata negli USA con l’acquisizione della catena Benner Tea). Per tale ragione l’attenzione si sposta sulle possibili catene disposte a vendere.

L’ipotesi che la rivista tedesca da come più accreditata è quella di una acquisizione

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Dati dell'autore:
Ha scritto 751 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

3 COMMENTI
  1. Stefan

    Prima di pubblicare articoli con affermazioni tipiche da Italiano di profilo medio basso, rilegga quanto scrive, almeno ci saranno meno errori grammaticali! Il suo testo, è davvero irritante, trasformando un’infarinatura tecnica/commerciale che dovrebbe incuriosire il lettore, in un evidente sfogo personale. Mi dispiace che riusciamo sempre a distinguerci in questo e senso e non più nelle capacità imprenditoriali che evidentemente altri come i tedeschi possiedono. Grazie comunque per il lavoro svolto.

    1. Dott. Andrea Meneghini

      Quindi lei è rimasto irritato per le affermazioni sui tedeschi, ed in maniera collerica, poco elegante e totalmente inconsistente cerca di dare un contributo.
      La sostanza dell’articolo è stata scritta da un giornalista tedesco e tradotta, quindi si lamenti con chi lei difende.
      Qui gli imprenditori c’entrano limitatamente, c’entra più il Sistema, e qua (forse) entriamo in un terreno condivisibile.
      Non pensi che chi scrive passa la sua vita in C.so Buenos Aires ed esprime giudizi dal sofà dove legge. Non faccia l’esterofilo (totalmente zerbinato peraltro), ci sono qualità e limiti in tutte le culture, e non c’è bisogno di gridare al lupo, in maniera arrogante e patetica, se si toccano i migliori.
      Mi permetta un ultimo pensiero personale che non vuole essere offensivo ma riflessivo: GDONews non ha bisogno di Lei (come lettore che non contribuisce se non in questi termini).

  2. Simons Matilde

    Io sono tedesca e’ conosco bene i supermercati della Aldi in Germania, perche molto spesso accompagna la mia figlia a fare le spese li.
    Non vedo l’ora che la Aldi apri in Italia le filiale.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su