GDO News
Nessun commento

Il commercio al dettaglio arranca: “effetto Parigi” sulla grande distribuzione?

consumi

I dati sulle vendite al dettaglio, pur risultando migliori delle previsioni, sono stati accolti con un atteggiamento piuttosto critico dai commercianti.

Secondo Federdistribuzione, le vendite hanno frenato “bruscamente” per tutte le formule distributive, segnando addirittura nel complesso un valore negativo. “Siamo sempre stati molto prudenti nel commentare i dati positivi dell’ultimo periodo, temendo che l’instabile situazione nazionale e internazionale potesse frenare quello slancio”, ha sottolineato il suo Presidente Giovanni Cobolli Gigli, ipotizzando: “le informazioni in nostro possesso fanno prevedere risultati non brillanti anche per il mese di dicembre”. Federdistribuzione dà anche una ricetta per stimolare gli acquisti, vale a dire la liberalizzazione delle vendite promozionali per i prodotti non alimentari.

Anche Confesecenti non appare soddisfatta dei dati pubblicati stamattina dall’Istat e parla di “troppi chiaroscuri”. Per le imprese su piccole superfici, rispetto a novembre dello scorso anno e grazie al non alimentare, la variazione delle vendite è lievemente positiva (+0,2%) e migliore di quella della grande distribuzione (-0,5%). Quest’ultima, secondo l’associazione, sconta anche un “effetto Parigi, vale a dire è stata penalizzata forse anche dalla preoccupazione seguita agli attentati di Parigi – avvenuti proprio a novembre – ed al rischio del ripetersi di attacchi nei luoghi più frequentati, tra i quali, appunto, centri commerciali e supermercati.

Infine, la Confcommercio concorda sul fatto che la “ripresa va avanti adagio” e che il quadro di luci ed ombre viene confermato anche dagli “andamenti per tipologia distributiva”: il miglioramento registrato dalle vendite presso le piccole superfici, tendenza in atto da alcuni mesi, si è confrontato con un calo degli acquisti presso le imprese di maggiori dimensioni ad indicare come il valore complessivo della domanda stenti a crescere in misura significativa.

[Teleborsa]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su