GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

Gdo, le vendite tornano in rosso dal 1 gennaio

VENDITE

Nella settimana dal 30 novembre al 6 dicembre il fatturato della distribuzione moderna ha fatto registrare un calo dell’1,84%. La macro-area più in difficoltà è il Sud, ma nei sette giorni in esame nessuna riesce a mostrare un andamento positivo
Marco Frojo
Gdo, le vendite tornano in rosso dal 1 gennaio Il debole rimbalzo della settimana dal 23 al 29 novembre non lasciava presagire nulla di buono e nei sette giorni successivi è puntualmente arrivato un pesante ribasso, che ha fatto tornare il bilancio da inizio anno in territorio negativo. Secondo le rilevazioni effettuate da Nielsen, dal 30 novembre al 6 dicembre, il fatturato della distribuzione moderna è sceso dell’1,84% e nessuna delle quattro macro-aree in cui la società di ricerca ha suddiviso il territorio nazionale si è salvata. La Gdo deve ora fare i conti con un rosso dello 0,02% da inizio anno e, tenuto conto del trend, l’ultimo mese appare tutto in salita.

trend

Nei sette giorni in esame il Sud è sprofondato (-3,87%) e dall’inizio dell’anno perde ora lo 0,38%. Per Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia le possibilità di chiudere il 2015 in rialzo sono praticamente nulle. Non se la passa molto meglio il Nord-est, che nella settimana ha lasciato sul terreno l’1,78%. Il rosso dal 1 gennaio di Emilia Romagna, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia è così salito allo 0,32%. Il Centro, pur perdendo il 2,46% nel periodo dal 30 novembre al 6 dicembre, mantiene la seconda posizione nella classifica del 2015: Toscana, Umbria, Marche, Lazio e Sardegna sono in calo dello 0,28% rispetto a 2014. Il Nord-ovest si conferma infine la macro-area più solida con un ribasso settimanale di “solo” lo 0,79%. Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria continuano a essere le uniche regioni a poter vantare un progresso dal 1 gennaio e ci sono buone probabilità che lo saranno anche alla fine dell’anno.

[via repubblica.it]

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su