GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

Consumi, Confcommercio: a settembre “andamento lento”

consumi

Nel settembre scorso l’indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) è calato dello 0,1% rispetto ad agosto, mentre è cresciuto dell’1,9% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. La stima per il mese di agosto, intato, è stata rivista al rialzo (da -0,3% a -0,1% rispetto a luglio). Guardando alla media mobile a tre mes,i la tendenza resta orientata al miglioramento. Il dato congiunturale, sottolinea l’Ufficio Studi Confcommercio, “si inserisce in un contesto in cui la ripresa stenta ad assumere maggiore dinamicità. Le famiglie, seppure orientate all’ottimismo, continuano ad essere vincolate da dinamiche reddituali in crescita contenuta”.

Le dinamiche congiunturali
Il calo dello 0,1% deriva da una stabilità della domanda relativa ai servizi e da un lieve ridimensionamento della domanda dei beni (-0,1%). Per quanto riguarda le singole macro-funzioni di spesa, l’unico rialzo ha interessato la domanda per i beni e i servizi per le comunicazioni (+0,5%), che evidenziano un risultato migliore rispetto al mese precedente. Rimane stabile la domanda per gli alberghi, i pasti e i consumi fuori casa, dopo il modesto incremento di agosto; la tendenza alla stabilizzazione ha interessato anche la domanda di prodotti per l’abbigliamento e le calzature, che ad agosto aveva fatto registrare una modesta crescita, e la spesa per gli alimentari, le bevande e i tabacchi. In flessione la domanda dei beni e servizi per la casa (-0,4%), evoluzione determinata, come già accaduto ad agosto, dalla minore domanda di energia da parte delle famiglie. Una riduzione, in linea con il risultato di agosto ha interessato la domanda per i beni e i servizi per la mobilità (-0,2%) determinata dal minor consumo di carburanti a fronte di un buon andamento delle vendite di auto ai privati. In calo contenuto anche la domanda per i beni e servizi ricreativi (-0,2%) e la spesa per beni e servizi per la cura della persona (-0,1%).

Le dinamiche tendenziali
La crescita dell’1,9% sintetizza l’andamento positivo sia della domanda relativa ai beni (+2%), sia di quella per i servizi (+1,5%). Il dato di settembre è stato determinato dalla domanda di beni e servizi per la mobilità (+7,4%), e dei beni e servizi per le comunicazioni (+4,1%) e, con un incremento di minore entità, dalla domanda per i servizi e i pasti e i consumi fuori casa (+1,7%). Più contenuto è stato l’aumento, su base annua, della spesa per l’abbigliamento e le calzature (+1%) e della spesa per i beni e i servizi ricreativi (+0,8%). Positivi sono risultati anche gli andamenti della spesa per i beni e servizi per la casa (+0,7%), per gli alimentari, le bevande e i tabacchi (+0,6%) e per i beni e i servizi per la cura della persona (+0,5%).

Le tendenze a breve termine dei prezzi al consumo
Per il mese di novembre 2015 l’Ufficio Studi Confcommercio stima, rispetto ad ottobre, una stabilità dei prezzi. Nel confronto con novembre 2014 la variazione dovrebbe attestarsi al +0,5%.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su