GDO News
Nessun commento

Auchan inaugura i primi armadi elettronici per il ritiro degli acquisti online concorrenti

locker

Il Centro Commerciale Auchan di Cesano Boscone ha inaugurato i suoi primi Locker, ovvero distributori automatici per la ricezione di pacchi. In pratica grazie alla collaborazione con la società specializzata InPost, sarà possibile far recapitare i propri acquisti su Internet – effettuati sui siti partner – direttamente presso gli armadietti elettronici situati nei pressi del centro commerciale.

“Il Locker, distributore automatico di nuova generazione, permette il ritiro in pochi secondi dei pacchi ordinati online da e-shop convenzionati (al momento ePrice, Saldi Privati, MisterPrice, Bow, ePlaza, NdR.)”, si legge nella nota ufficiale.

“Il sistema informa il cliente dell’arrivo del pacco tramite il servizio di notifiche inviate per mail e SMS, si può anche effettuare il pagamento dei prodotti acquistati direttamente al locker, tramite bancomat o carta di credito”.

I clienti avranno tempo 3 giorni di tempo dall’arrivo della notifica SMS per effettuare il ritiro. Per altro l’operatività dei locker è data per 24 ore su 24. Ed è prevista anche la possibilità di gestire i resi. Tempo per ogni operazione al locker? Solo 7 secondi.

“La rete di distribuzione funziona capillarmente, organizzando la consegna da parte dei negozi nel punto Locker scelto dall’utente, al quale viene inviato tramite mail un codice di accesso personale per ritirare il pacco e poterlo tracciare su Internet”, prosegue la nota Auchan.

Il primo pensiero è che Auchan possa auto danneggiarsi. È risaputo che i negozi online riescono ad applicare prezzi più bassi di quelli della grande distribuzione, se non altro perché hanno costi di gestione inferiori. Però è anche vero che non ci si può opporre al nuovo che avanza e finché il Web non sarà competitivo sugli alimentari colossi come Auchan potranno continuare a farla da padroni. Tanto vale quindi attirare il maggior numero di potenziali consumatori : magari ci scappa una spesa.

Tagged with:

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su