GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

Novità del mercato: CRAI (Codè) aggiorna il format Prossimità. Punto Vendita innovativo appena inaugurato a Milano

Vetrina_CRAI_Portello

Chi lo ha detto che i fatturati si ottengono soltanto a colpi di sconti e promozioni? Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un articolo dove si evidenziava come il format supermercato di prossimità , sia in Francia che in Italia, stesse recuperando terreno dopo anni di numeri negativi e di dominio del format Discount. Alla fine dell’articolo, lo scrivente, affermava che esiste una differenza sulle cause che hanno prodotto gli effetti positivi appena descritti: che in Italia il Discount viene battuto a suon di promozioni sulle Grandi Marche che, di fatto, portano in positivo i fatturati ma diminuiscono i margini; in Francia, invece, si cerca di innovare. Come? Sezionando la prossimità.

 

Gruppi come Carrefour, Casinò, Monoprix e Auchan si sono organizzati per andare a colpire i consumatori con la qualità del servizio; punti di vendita che si concentrano sui freschi, sul ready to eat, che si sezionano in punti di vendita che si adattano ai luoghi in cui sono ubicati (vicino a stazioni o in quartieri popolati da immigrati) e che soprattutto creano delle attività di franchising molto “easy”: nessuna fee d’infresso, capitali di investimento limitati. Non vi sono sacrifici di marginalità che caratterizzano i numeri positivi. CRAI in Italia (anche Carrefour proprio in Italia pare stia pensando di modernizzarsi in conseguenza dei successi francesi) vuole fare lo stesso. Sta ridisegnando la prossimità attribuendo determinati skills a formati che da troppo tempo non vengono ripensati. Va in questa direzione il punto di vendita aperto ieri a Milano in viale Teodorico 18, associato a Codè CRAI Ovest, il Centro distributivo piemontese del Gruppo CRAI, che proprio quest’anno festeggia con orgoglio la ricorrenza dei 100 anni di associazionismo nel dettaglio alimentare.

Il nuovo negozio si propone di essere un primo passo verso la trasformazione di tutto il canale del commercio di prossimità.  Il concetto oggi espresso in 250 mq sarà replicato in altre due versioni (600 mq e 1000 mq)
con ampie integrazioni nella parte somministrazione.

OrtoFrutta_CRAI_Portello“Dopo aver percorso negli ultimi tre anni un cammino di riorganizzazione delle proprie strutture e delle proprie modalità operative – precisa Matteo Polo Frizamministratore delegato Codè CRAI Ovest - sono stati fondamentali la completa terziarizzazione delle attività dedicate alla logistica interna e l’innesto di nuove competenze che hanno rafforzato una squadra storicamente competente e coesa”.

Il punto vendita CRAI in viale Teodorico espone un assortimento fortemente orientato ai freschi e al take-away monoporzione che in questo caso può essere consumato anche in un area soppalcata di 80 mq.

L’area soppalcata sarà destinata anche a ospitare una serie di incontri sull’alimentazione con focus su prodotti di alta qualità che CRAI propone.  Sarà proposto un programma di eventi dedicati al vino e ai suoi abbinamenti con la presenza di esperti ONAV, saranno organizzate degustazioni di pregiati formaggi italiani, mini corsi sulla preparazione di aperitivi ecc. A disposizione dei consumatori un monitor con video informativi sul cibo, un servizio wi-fi free, un forno a micro onde e una macchina del caffè con capsule di selezionate miscele prodotte in esclusiva per CRAI. Tutto questo per far vivere al cliente un’atmosfera familiare e confortevole in linea con il posizionamento di servizio.

Cantina_CRAI_PortelloNell’area supermercato sono stati utilizzati frigoriferi di moderna concezione sia per i bassi consumi (es. il murale salumi formaggi modello sky view) che per la versatilità nell’utilizzo (es. il modello di banco con vetri scorrevoli per trasformare il servito in take away). Grazie alla sapiente illuminazione e alla scelta dei colori, il punto vendita CRAI intende essere un punto di incontro piacevole e moderno oltre che luogo per gli acquisti.

Importante per il consumatore è la comunicazione e l’informazione, sono stati quindi previsti installazioni multimediali; nello specifico un monitor sul banco taglio che servirà anche da elimina code e altri due monitor da 55 pollici per la comunicazione esterna. Gli ingredienti e gli allergeni saranno evidenziati anch’essi tramite uno schermo nei pressi del banco gastronomia.

Per quanto riguarda gli assortimenti particolare cura è stata posta su vini, birre e prodotti salutistici, mentre nei banchi serviti spicca la selezione del forno dolce e salato abbinato alla vendita di pane sfuso self service. La scelta di formaggi e salumi è anch’essa ricca e sfiziosa per soddisfare anche i food lovers più esigenti. L’ortofruttaproporrà, oltre alla gamma sfusa, un assortimento di insalate, macedonie e zuppe. Troveranno anche spazioprodotti più esotici e di tendenza, quali le radici di daikon dal potere dimagrante alle bacche di goji con proprietà antiossidanti.

 

Dallalto_CRAI_Portello

Dati dell'autore:
Ha scritto 731 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su