GDO News
Per pubblicità chiama lo 02/006.444.15 o scrivi a clienti@gdonews.it
Nessun commento

Coop, fusione fredda tra gli scaffali rossi. Una unione molto difficile

coop

L a parola d’ordine è “non fare la fine del mattone”, fondendo stavolta i gioielli di famiglia prima che sia troppo tardi. Perché per decidere di unire in matrimonio, dopo anni di corteggiamenti a vuoto, tre (dei nove) giganti della grande distribuzione a marchio Coop – Adriatica, Estense e Nordest – è servito non poco coraggio. Mandare in soffitta rivalità e gelosie tra “campanili” non è infatti agevole per chi, come i cooperatori, ha sempre fatto del legame con le terre natie la propria ragion d’essere. Ma a questo giro le resistenze sono cadute: entro l’anno nascerà così la più grande Coop italiana, con un fatturato da oltre 4,3 miliardi e 334 supermercati sparsi lungo la dorsale adriatica.

Nel mirino c’è il mercato domestico, con l’obiettivo di rilanciare il marchio nelle regioni meridionali, dove i punti vendita Coop sono spariti o godono di scarsa salute sul fronte vendite. L’operazione cade in uno dei momenti più delicati nella storia delle coop “rosse”. Fiaccate, a livello d’immagine, dagli scandali che hanno travolto nomi storici del movimento Legacoop (dagli appalti per l’Expo al caso Cpl Concordia). E poi la crisi infinita, che ha spazzato via intere filiere – come l’edilizia – dove si è capito troppo tardi che le fusioni avrebbero potuto salvare i costruttori coop dal crollo.

E quando ci si è arrivati, non c’era quasi più nulla da accorpare, perché commesse e appalti pubblici erano nel frattempo svaniti. Sul fronte dei supermercati, invece, le coop viaggiano a testa alta. È un settore in cui hanno mostrato di avere spalle larghe per affrontare anni di fuga delle famiglie dagli scaffali. Nel 2014 oltre il 30% delle vendite

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Tagged with:
Dati dell'autore:
Ha scritto 159 articoli
Claudio Zannetti

Consulente commerciale e marketing di esperienza pluridecennale nel settore non food. Ricopre il ruolo di referente commerciale di GDONews per il nord Italia.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su