GDO News
Nessun commento

Esclusivo: Una profonda analisi dei fatturati dei vari comparti della Distribuzione aggiornati al febbraio 2015

nielsen

La scorsa settimana si è scritto che la Grande Distribuzione italiana fattura 91 miliardi e 150 milioni di euro attraverso la vendita di prodotti alimentari (e non) ad opera di 27.668 negozi. Si è notato come il settore Discount stia aumentando le proprie quote a discapito del canale Ipermercati e del Libero Servizio che, lentamente ma inesorabilmente, presentano oramai difficoltà congenite al modello di Business.

Oggi, sempre con il supporto dei dati forniti dall’Istituto Nielsen, analizziamo come si sviluppano i fatturati all’interno di ogni format, suddivisi per macro categorie.

Per Largo Consumo Confezionato (LCC) si intende l’insieme dei prodotti del grocery, non inclusi quelli “a peso variabile”. Rientrano in tale categoria di beni i prodotti alimentari, quelli per la pulizia della persona e della casa, di consumo “non durevole”, ovvero le seguenti categorie: Food Confezionato, Surgelati, confezionati, Gelati confezionati, Bevande, Liquori, Pet, Cura Casa, Cura Persona, Farmaci da banco.

Per Freschi “a peso variabile” Nielsen intende Carne e Pesce, Frutta e Verdura, Formaggi e Salumi Peso Variabile, Gastronomia e Rosticceria, Panetteria e Pasticceria, Pasta fresca, Surgelati a peso variabile.

Del non food fanno, invece, parte le seguenti categorie: Piccoli e grandi elettrodomestici, Articoli per la casa e l’arredamento, Accessori Sportivi e per il tempo libero, Articoli Ferramenta, Giardinaggio e per il “Fai da te”, Cartoleria e articoli per l’ufficio, Abbigliamento, Giocattoli, Libri e Periodici, “Usa e getta”.

Il Grocery rappresenta il

GRAFICI, IMMAGINI E ALTRI CONTENUTI SONO RISERVATI AGLI ABBONATI

 
Dati dell'autore:
Ha scritto 743 articoli
Dott. Andrea Meneghini

Analista ed esperto di Grande Distribuzione alimentare.E’ un attento osservatore delle dinamiche evolutive dei format discount e supermercati in Italia ed in Europa. Opera come manager per alcuni gruppi alimentari sullo sviluppo all’estero, soprattutto nord Europa e Medio Oriente. Ha scritto il libro per la catena Lillo Spa “Vent’anni di un successo”.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

ARTICOLI CORRELATI

Torna su